Lunedi, 24 Giugno, 2019

Giorgetti: "Minibot non sono anticamera per uscita da euro"

I mini-Bot moneta o debito? Per Moody's solo l'idea è dannosa Cosa sono i minibot: tutti i rischi per il debito pubblico e l’euro
Esposti Saturniano | 10 Giugno, 2019, 12:52

"Sono decine di miliardi di euro che già sono debito dello Stato, quindi in che forma restituirli è tutto da valutare e ci stiamo ragionando". Nonostante la moral suasion di Mario Draghi e gli oscuri presagi dell'agenzia di rating Moody's, l'esecutivo - soprattutto lato Lega - resta convinto della possibilità di poter pagare i debiti della Pubblica amministrazione accumulati nei confronti di imprese e famiglie con i titoli di Stato.

"I mini bot non sono né l'anticamere all'uscita dall'Europa né all'uscita dall'euro, sono solo un tentativo di risolvere i debiti delle pubblica amministrazione, un problema che siamo disposti a risolvere ma che non abbiamo creato noi". E sull'ipotesi di valuta alternativa, il vicepremier leghista taglia corto: "Le monete alternative le usiamo al Monopoli".

"Non è opportuno aumentare il debito pubblico italiano, vista la sua entità", è la stroncatura del presidente di Confindustria Vincenzo Boccia. Anche perché lo stesso Borghi, che li ha teorizzati tempo fa, li vedeva proprio come uno degli step da compiere prima di uscire dalla moneta unica senza fare troppi danni. "Questa è una cosa che sta nel loro programma: il ministero dell'Economia ha girato un parere negativo", ha affermato Tria a margine del G20 finanziario di Fukuoka. "Nell'altra (come valuta alternativa, ndr) non si possono fare", ribadendo in sostanza quanto detto da Mario Draghi. L'aspetto del minibot sarà in tutto e per tutto simile ad una banconota ma in realtà rappresenta un pezzettino di debito pubblico ed è quindi un credito per il cittadino che lo possiederà.

"È un'iniziativa parlamentare che non ho ancora discusso con i promotori della Lega, ma da giurista mi sembra evidente che presenti diverse criticità", dichiara il premier Giuseppe Conte. La proposta dei minibot nasce da Claudio Borghi, presidente della commissione Bilancio della Camera, secondo cui non si tratta di una moneta, ma di debito.

La Banca d'Italia e poi la Bce, hanno avvisato dei rischi della creazione di una "moneta parallela". "Non sono nuovi debiti", assicura però spiegando che deriverebbero da debiti già esistenti. Lo attacca il segretario del Pd, Nicola Zingaretti: "Sono gli italiani a essere preoccupati". "Sarebbe utile e necessario che i vertici della Lega smentissero questa interpretazione assurda". A distanza di poche ore, sia Salvini che Di Maio hanno risposto per le rime a Tria, dicendo sostanzialmente: "Se non ti piace questa soluzione, trovali tu i soldi". Secondo Giorgetti, potrebbe essere una "proposta per accelerare in qualche modo anche i rimborsi dei debiti della Pubblica amministrazione".

"Sta nel contratto di governo - osserva -".

Altre Notizie