Sabato, 23 Gennaio, 2021

F1 2019: Binotto crede nel progetto Ferrari: "Come ai tempi di Schumi"

Formula 1 | GP Canada gli orari in chiaro su TV8 F1 2019: Binotto crede nel progetto Ferrari: "Come ai tempi di Schumi"
Cacciopini Corbiniano | 07 Giugno, 2019, 14:40

Dopo il Gran Premio di Monaco, gara in cui per la prima volta nella stagione 2019 una Ferrari (e proprio quella di Sebastian Vettel) è riuscita ad ottenere la seconda posizione e ad interrompere così la striscia positiva di cinque doppiette consecutive per la Mercedes, il quattro volte campione del mondo è stato al centro di numerose voci di corridoio.

CREDERCI SEMPRE "Aspetterei fine anno per fare un bilancio" - ha infine aggiunto Binotto per ridare fiducia all'ambiente e ai tifosi - "Perché potrebbe essere molto diverso da quello delle prime sei gare. Il nostro obiettivo non è andare sul podio, ma lottare per la vittoria".

I tecnici della Scuderia, infatti, dovranno analizzare se sarà il caso che la Rossa debba affrontare i lunghi rettilinei sulla pista dedicata a Gilles Villeneuve con l'ala a cucchiaio più scarica, utile a estremizzare le velocità massime dove la Ferrari già eccelle o se, invece, è meglio puntare alla soluzione più carica per avere più trazione nella percorrenza delle chicane. Sulla carta, il terreno perfetto per far scatenare tutti i cavalli del motorone Ferrari: che tanto va in crisi nei tratti guidati quanto riesce a fare la differenza sul dritto. Il leader del mondiale ricorda però anche che il suo team porta per l'occasione un motore aggiornato che - dice - "arriva nel momento giusto", visto che la potenza è molto importante su questo circuito. "La nostra macchina è buona, ma stiamo ancora imparando a conoscerla", ha dichiarato a Auto-Bild. In una lunga intervista apparsa stamattina su La Gazzetta dello Sport, Binotto - a Maranello da ben 25 anni - afferma di rivedere nel team i presupposti che portarono all'era Schumacher e al dominio rosso di inizio millennio.

Non mancano anche elogi ai due piloti: "Abbiamo un'ottima coppia di piloti". Da una parte l'esperienza di Vettel e dall'altra un giovane molto veloce come Leclerc. Sono contento del team, ho molta fame e ho una missione qui: vincere con la Ferrari, questa è l'unica cosa che conta per me. "Si sta impegnando e ha voglia di emergere, mi aspetto molto da lui nelle prossime gare".

Altre Notizie