Domenica, 17 Novembre, 2019

Toyota ed Eni insieme sulla via dell’idrogeno

Auto a idrogeno, Toyota ed Eni rilanciano la sfida delle elettriche fuel cell Toyota ed Eni, si riapre l’ipotesi delle auto a idrogeno
Esposti Saturniano | 06 Giugno, 2019, 15:42

E due mondi apparentemente lontani si avvicinano, le bici e i corridori da una parte, l'auto a volte fin troppo demonizzata, impegnata dall'altra alla ricerca di soluzioni per il futuro.

Già questa iniziativa aveva fatto capire l'intenzione della casa madre di investire in tecnologie ecosostenibili, ed ora, dopo mesi di silenzio ma anche di duro lavoro, è stato annunciato che Toyota ed ENI hanno stretto una nuova partnership per accelerare la diffusione delle stazioni di rifornimento per vetture a idrogeno.

Toyota è stata tra i primi ad intraprendere con decisione il percorso di elettrificazione della propria gamma - ha ricordato Mauro Caruccio, l'ad di Toyota Motor Italia - ed oggi siamo il leader, con oltre 13 Milioni di veicoli elettrificati su strada nel mondo. La nuova stazione, per la quale Eni è in attesa delle autorizzazioni per l'avvio dei lavori, sarà una struttura polifunzionale e di design perfettamente integrata architettonicamente con il nuovo Centro Direzionale Eni che è in costruzione.

La stazione di rifornimento sarà sviluppata con un format che prevede la vendita sia di prodotti petroliferi premium, sia di carburanti avanzati come biometano, idrogeno ed energia elettrica.

L'idrogeno che andrà a ricaricare le celle a combustibile sarà prodotto in modo totalmente green, a emissioni zero, nella stazione di rifornimento stessa, utilizzando le fonti di energia rinnovabili e il processo chimico-elettrico dell'elettrolisi.

Toyota non solo metterà a disposizione la propria esperienza nell'alimentazione ad idrogeno, ma metterà sulla strada una flotta di 10 Mirai, il cui rifornimento avverrà nella stazione di Eni a San Donato.

Il progetto messo in piedi da Toyota ed Eni è solo il primo passo di un piano nazionale finalizzato alla creazione di una rete basale presente su tutto il territorio italiano entro il 2023: una rete, in grado di rifornire in tutti i luoghi dell'Italia, questo tipo di automobile a idrogeno. "Siamo veramente onorati di poter intraprendere questo percorso insieme ad un partner così importante come Eni, che abbraccia la stessa idea di tecnologia al servizio dell'ambiente", aggiunge Caruccio. "La stazione idrogeno a San Donato Milanese - dichiara Giuseppe Ricci, Chief Refining & Marketing Officer di Eni - costituisce un tassello importante nel percorso di de-carbonizzazione di Eni per la riduzione delle emissioni di gas climalteranti".

Con le stazioni idrogeno, Eni - spiega - intende rafforzare la sua offerta di carburanti a basso impatto ambientale: in una rete di 4.400 impianti, 3.500 erogano Eni Diesel+, il gasolio che contiene anche oli vegetali esausti e di frittura e grassi animali che vengono trasformati in biocarburante nelle bio-raffinerie di Venezia e Gela, mentre circa 200 impianti erogano metano e presto anche bio-metano.

Altre Notizie