Sabato, 18 Settembre, 2021

Leonardo lascia il Milan. Gazidis: "Gi auguro il meglio"

Leonardo Leonardo
Cacciopini Corbiniano | 31 Mag, 2019, 03:54

Non ho parlato finora perché ho preferito studiare tutto con umiltà, ma adesso è giunto il momento di spiegare il progetto della mia società ed esprimere il mio punto di vista. Il progetto dei giovani è un'arma a doppio taglio che potrebbe significare anche grande ridimensionamento delle ambizioni del club.

I SACRIFICI - Sono in tanti i giocatori che potrebbero garantire plusvalenze vantaggiose al Milan, ma i probabili sacrifici non dovranno essere inutili. Un eventuale rifiuto di Maldini sarebbe uno smacco per Elliott perché mettere in discussione a livello mediatico le idee del fondo americano. Se non fossero stati versati 220 milioni di euro nel club per rifornirlo di capitale e rispondere agli obblighi, si sarebbe andati incontro alla bancarotta e al rischio retrocessione. Sarà che io so affrontare il lavoro - e ne ho fatti solo due nella mia vita, prima il calciatore e ora il dirigente - solo così, ma devo dire che ho trovato questa esperienza molto impegnativa. Ora è tempo di ripartire dalle macerie. Penso che sia un processo irreversibile, che va accompagnato. "Sono grato a Leonardo per ciò che ha fatto per il nostro grande Club, e gli auguro il meglio per il futuro".

Dopo le dimissioni di Leonardo e Maldini, Ivan Gazidis ha così spiegato le prossime mosse estive del Milan a tutti quei tifosi spiazzati e delusi dall'ennesimo ribaltone societario.

Parole dolci di Gazidis per Rino Gattuso: "Non ho parole per descrivere Gattuso: un uomo straordinario che ha portato la piena responsabilità della stagione sulle sue spalle". Ha fatto una analisi e una scelta di grande onestà: non ce la faceva a portare ancora questo peso.

In chiusura Gazidis ha affermato di non voler incidere sulla scelta del futuro allenatore: "Io aspetto la decisione di Maldini, non voglio pensare a profili diversi rispetto a Paolo".

Sui suoi primi mesi di Milan, Gadizis dice: "Sono arrivato a dicembre e ho sfruttato tutto il tempo a disposizione per capire il club e il calcio italiano". E c'è da scegliere anche un allenatore. L'allenatore, spero con l'aiuto di Maldini, verrà scelto con calma in base alla storia, alla personalità, al profilo, ai risultati e alle statistiche. Abbiamo una lunga e stimolante partita da giocare.

Altre Notizie