Venerdì, 22 Ottobre, 2021

CEO di Huawei contrario a contromisure nei confronti di Apple

Huawei contrario a contromisure nei confronti di Apple Huawei contrario a contromisure nei confronti di Apple
Esposti Saturniano | 30 Mag, 2019, 16:42

Nella istanza Huawei sostiene che il provvedimento promosso dall'amministrazione Trump non solo impedisce alle agenzie governative statunitensi di acquistare apparecchiature e servizi Huawei, ma impedisce loro di contrattare o concedere sovvenzioni o prestiti a terzi che acquistano da Huawei attrezzature o servizi, anche se non vi è alcun impatto o collegamento con il governo degli Stati Uniti. Ma una cosa è certa: quale che sia il finale di questa faccenda, pare proprio che Huawei sia già pronta al lancio del proprio sistema operativo ed ora spunta fuori Ark OS.

La decisione di Washington di includere Huawei nella sua lista nera del commercio potrebbe innescare ritorsioni cinesi nei confronti di diversi marchi degli Stati Uniti, dagli hotel all'abbigliamento sportivo e può influenzare anche Capitan America e l'universo Marvel, secondo un nuovo articolo di Bloomberg, che ricorda che il mercato cinese del consumo in rapida crescita "è una priorità per i giganti americani", che cercano di crescere in un'economia globale in decelerazione. Questo, sostiene il responsabile dell'ufficio legale di Huawei, Song Liuping, "stabilisce un pericoloso precedente". "I politici degli Stati Uniti stanno utilizzando la forza di un'intera nazione contro una società privata" osserva il legale, rilevando che questo non è normale e non si è mai quesi visto nella storia. Oggi sono le telecomunicazioni e Huawei. Tuttavia Huawei si è premunita accumulando scorte di componenti chiave made in Usa mentre si preparava a trovare alternative prima che il divieto entrasse in vigore. Il colosso cinese esprime la sua fiducia nell'indipendenza e nell'integrità del sistema giudiziario statunitense, confidando che gli errori del bando possano essere corretti in tribunale. Ciò include quasi sei mesi di inventario per smartphone e 9-12 mesi di inventario di stazioni base 5G, secondo le stime di Clsa.

L'approccio di Zengfei è quindi totalmente diverso di quello che ci si potrebbe aspettare dal capo di un'azienda volutamente messa in una situazione precaria.

Altre Notizie