Sabato, 20 Luglio, 2019

Epatite da integratori curcuma, in Toscana 4 casi su 10

Epatite da integratori curcuma, in Toscana 4 casi su 10 Casi di epatite dopo aver preso integratori alla curcuma, la Regione: "Sospendere l'assunzione". I prodotti a rischio
Machelli Zaccheo | 26 Mag, 2019, 17:04

Dopo quelli del 10, 16 e 21 maggio, il ministero della Salute ha rilasciato un ulteriore aggiornamento contenente un ulteriore prodotto soggetto al ritiro conseguente all'insorgenza di epatite colestatica acuta, non infettiva e non contagiosa, conseguente alla somministrazione di prodotti a base di curcuma. Il ministero della Salute ha invitato i consumatori, a titolo precauzionale, "a sospendere temporaneamente il consumo di tali prodotti". "Al momento attuale - rende noto la Regione Toscana - 4 di questi casi si sono verificati in Toscana".

Rimane però un problema da non sottovalutare, il mercato della vendita del prodotto in questione online, anche se alcuni siti che propongono questi integratori sono stati già segnalati dall'Istituto Superiore della Sanità, fate attenzione ad un eventuale acquisto, a controllare marca e lotti.

Non sembra esserci nessun rischio, invece, per l'uso della curcuma in cucina, secondo Ciro Vestita, fitoterapeuta e nutrizionista dell'università di Pisa: "Una spezia benefica, che non ha praticamente effetti collaterali, soprattutto se si utilizza la radice fresca. Non certo ad epatite".

Curcuma 95% Maximum - lotto 18L264, scadenza 10/2021, prodotto da EKAPPA LABORATORI srl per conto di Naturando S.r.l.

Altre Notizie