Domenica, 22 Settembre, 2019

A Storie Italiane Arcuri e Benincà, l'attrice: 'Michelazzo e Perricciolo manipolatrici'

Pamela Prati e il matrimonio saltato, Manuela Arcuri confessa: «È un gioco perverso,... Manuela Arcuri attacca la manager di Pamela Prati: “Ha fatto un gioco perverso con me” (VIDEO)
Deangelis Cassiopea | 22 Mag, 2019, 19:41

La fake news sul finto matrimonio di Pamela Prati con il fantomatico e inesistente imprenditore edilizio Marco Caltagirone continua a scatenare un'ondata di indignazione generale e una raffica di testimonianze shock.

Ricordando quando anche a lei fu proposto un fidanzamento "a distanza" con un uomo da Pamela Perricciolo, una delle protagoniste della vicenda, ha detto: "Era un copione già scritto".

Ma con quale scopo Perricciolo si sarebbe mossa in questa maniera? "Perché lo fanno? Credo sia una cosa di perversione, credo che ci sia un problema di questo genere alla base", ha concluso. Lo dice Manuela Arcuri ospite di Eleonora Daniele a Storie Italiane su Rai Uno. Anche l'attrice è finita nella rete: "Pamela - racconta la Arcuri - mi fece vedere la foto di un ragazzo bellissimo tale Simone Coppi magistrato".

Insieme a lei c'è anche suo fratello Sergio, che proprio dalla Daniele qualche settimana fa aveva svelato in esclusiva di voler sposare la sua fidanzata Valentina (il matrimonio verrà celebrato la prossima estate).

All'epoca dei fatti Manuela Arcuri era single: "Mi fece vedere le foto di lui, le foto della casa, costruì intorno una storia". Le ho chiesto di presentarmelo ma non l'ho mai visto, ci ho solo parlato al telefono e chissà con chi ho parlato! Poi è stata tutta una bolla di sapone. Il giochino non durò nemmeno un mese e l'attrice si rese conto che si trattava di un inganno. In questo caso, però, il tramite non era la Michelazzo ma la socia, ovvero Pamela Perricciolo. "Ma io ci sono rimasta malissimo", racconta in diretta tv con un filo di voce. "Dieci anni fa sono già stata presa in giro da queste persone. È stato un gioco perverso". Cambia il nome, ma non il cognome.

La Benincà ha infine dichiarato di avere le prove delle bugie raccontate dalle due manager: una riguardante l'identità di Caltagirone che inizialmente apparteneva ad una nota famiglia romana e poi invece ad un'altra; l'altra bugia riguarderebbe l'Aicos che, da alcune indagini, risulterebbe intestata ad una signora nata nel '37 e non alla Michelazzo.

Ammesso che la storia di Manuela Arcuri si sia svolta secondo le stesse modalità con cui si è svolta quella di Pamela Prati, Manuela è stata molto più sveglia di quest'ultima, smascherando l'intera messa in scena di Pamela Perricciolo appena un mese dopo l'inizio del "gioco perverso" attuato alle sue spalle.

Altre Notizie