Lunedi, 16 Settembre, 2019

Il Trono di Spade 8: la spiegazione del finale della serie tv

Game Of Thrones, la trama dell’ultimo episodio [SPOILER ALERT] Il Trono di Spade 8, stanotte su Sky Atlantic il gran finale in contemporanea con gli USA
Deangelis Cassiopea | 21 Mag, 2019, 02:09

Ogni personaggio, dunque, segue il suo destino. Che finisse sul trono, non era scontato ma nemmeno imprevedibile: basti pensare alla naturalezza con cui, ancora bambino, si muovesse come Lord di Grande Inverno - al fianco del maestro Luwin - mentre suo fratello Robb conduceva la guerra ai Lannister, prima che Theon Greyjoy tradisse quest'ultimo per conquistare Winterfell e condurre Bran, Rickon e Hodor alla fuga. Ma il finale è andato. Jon Snow e Tyrion Lannister sono prigionieri dell'ex esercito della Madre dei Draghi. Avete distrutto le loro case di pietra. Queste parole ricalcano appunto la promessa che Khal Drogo le fece nella prima stagione. In termini economici, il 73esimo episodio del Trono di Spade, il conclusivo di serie, potrebbe portare a una perdita economica della produzione degli Stati Uniti pari a 3.3 miliardi di dollari. I signori riuniti devono decidere chi governerà su Westeros e per questa decisione giocherà un ruolo fondamentale Tyrion Lannister, che da prigioniero terrà un discorso che metterà d'accordo tutti. In un ultimo dialogo con Dany, Jon cerca di convincerla a liberare Tyrion, ma lei rifiuta. Allo stesso tempo però Sansa Stark ribadisce l'indipendenza del Nord, divenendone di conseguenza regina. Ma chi sono i personaggi che eleggono Bran lo Spezzato a re dei Sei regni? Ci sono poi anche Robert Arryn, ormai un giovane uomo, e il suo consigliere Yohn Royce. Sono presenti anche Brienne e ser Davos anche se tecnicamente non avrebbero diritto di voto.

Nell'esaltazione generale è proprio Tyrion che attua la prima mossa, esprimendo il suo disgusto verso di lei scagliando la sua spilla da Primo Cavaliere con disprezzo, per poi venire arrestato. In questo nuovo regno ne fa parte innanzitutto Tyrion, nominato primo cavaliere. C'è stato chi si è addormentato durante, forse perché in Italia era notte fonda quando il series finale è stato trasmesso, e chi ha pianto tutte le sue lacrime. Ma come già qualcuno gli aveva detto nella seconda stagione, il suo nome non entrerà nei libri di storia: quando Samwell gli porta il libro scritto dai maestri della Cittadella in cui si racconta tutto ciò che è accaduto dopo la ribellione di Robert, alla domanda del Folletto su "cosa hanno scritto di me" risponde che "non hanno scritto nulla". Ancora da nominare, invece, il Maestro dei sussurri e quello delle leggi.

Altre Notizie