Giovedi, 23 Mag, 2019

USA, "prezzi dei farmaci gonfiati"

USA. Teva e altre diciannove società farmaceutiche accusate di aver manipolato il sistema di fissazione dei prezzi Prezzi dei farmaci generici gonfiati del 1000 per cento, quaranta Stati Usa contro le case farmaceutiche
Evangelisti Maggiorino | 14 Mag, 2019, 13:25

"Abbiamo le prove per dimostrare che l'industria farmaceutica ha perpetrato una truffa multimiliardaria ai danni del popolo americano", ha aggiunto.

Le procure generali di 44 Stati americani hanno portato in tribunale 20 case farmaceutiche accusandole di aver gonfiato i prezzi di centinaia di farmaci moltiplicandoli anche per mille.

L'azione legale, che ha alle spalle cinque anni di indagini, è stata presentata dall'Attorney General del Connecticut William Tong che accusa le aziende farmaceutiche di essere coinvolte "in una delle più vergognose e dannose cospirazioni per la determinazione dei prezzi nella storia degli Stati Uniti".

L'inchiesta arriva in un momento in cui la politica in modo bipartisan, da Donald Trump fino alla senatrice liberal Elizabeth Warren, sta concentrando l'attenzione sull'aumento dei prezzi dei farmaci. Teva e Pfizer, due delle più importanti aziende farmaceutiche al mondo, hanno negato le accuse: le altre citate nella causa non hanno ancora diffuso comunicazioni pubbliche.

"Le accuse in questa nuova denuncia, e nel contenzioso più in generale, sono proprio questo: accuse", si legge in una nota. I farmaci oggetto dell'indagine comprendevano di tutto, dalle compresse e capsule alle creme e unguenti per trattare patologie quali diabete, colesterolo alto, pressione alta, cancro, epilessia e altro. In alcuni casi, gli aumenti dei prezzi coordinati erano superiori al 1.000 percento.

I farmaci generici possono far risparmiare ai compratori e ai contribuenti della droga decine di miliardi di dollari l'anno perché sono un'alternativa a basso prezzo ai farmaci di marca.

"Abbiamo email, messaggi, intercettazioni telefoniche e testimonianze di ex impiegati, e siamo convinti che dimostrino che le aziende farmaceutiche hanno cospirato per anni per fissare i prezzi e dividersi quote di mercato per un grandissimo numero di farmaci generici".

"I farmaci generici erano uno dei pochi 'affari' nel sistema sanitario degli Stati Uniti", ha detto la causa.

Altre Notizie