Mercoledì, 22 Mag, 2019

Istat-Bankitalia: ricchezza delle famiglie 8 volte reddito

Italiani più ricchi dei tedeschi? Vi spiego come stanno le cose in realt Cosa dicono i dati Istat Bankitalia sulla ricchezza degli italiani
Esposti Saturniano | 13 Mag, 2019, 09:36

Secondo uno studio elaborato da Istat e Banca d'Italia nel 2017 la ricchezza netta delle famiglie in Italia ha visto un aumento di 98 miliardi, +1% rispetto all'anno precedente, per un totale di 9.743 miliardi di euro, tornando con il segno positivo dopo tre anni in negativo. Una cifra pari a otto volte il loro reddito. Le abitazioni hanno costituito la principale forma di investimento delle famiglie e, con un valore di 5.246 miliardi di euro, hanno rappresentato la metà della ricchezza lorda.

La ricchezza netta delle società non finanziarie è stata pari a 1.053 miliardi di euro. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all'uso delle informazioni ivi riportate. Il totale delle attività del settore è invece pari a 4.943 miliardi ed è costituito per il 63% da attività non finanziarie. Secondo i dati dell'Ocse, ricorda l'analisi, "questo rapporto è più alto di quello relativo alle famiglie francesi, inglesi e canadesi (intorno a 8), anche se nel periodo il divario si è notevolmente ridotto". La crescita di 177 miliardi rispetto alla fine del 2016 (+3,7%) è soprattutto in capo all'aumento per 196 miliardi di euro della componente finanziaria (+11,9%), che ha controbilanciato la contrazione delle attività reali (-0,6%), in diminuzione dal 2013.

Nonostante la perdita di valore registrata - tra il 2005 e il 2011 il peso delle abitazioni sul totale delle attività è salito dal 47% al 54% per poi ridursi negli anni successivi sino al 49% del 2017 - gli immobili continuano a essere la principale forma d'investimento delle famiglie e valgono 5.246 miliardi; la metà della loro ricchezza lorda. E, infatti, se misurata in rapporto alla popolazione, nella Penisola la ricchezza netta familiare è risultata superiore a quella degli altri Stati solo nel 2008 e nel 2009: poi si è mantenuta su valori stabili, mentre nel resto d'Europa è aumentata.

Anche un altro indicatore rilevante, il rapporto tra la ricchezza netta (abitazioni, terreni, depositi, titoli, azioni ecc., tolte le passività finanziarie come i prestiti) e il reddito disponibile, presenta un andamento in chiaroscuro. Negli ultimi anni la prevalenza dei guadagni in conto capitale rispetto ai flussi di risparmio finanziario si osserva anche in altri paesi avanzati.

Altre Notizie