Sabato, 20 Luglio, 2019

Kim lancia due missili e gli Usa sequestrano nave nordcoreana

Gli esperti vedono le impronte digitali della Russia sul nuovo missile della Corea del Nord thumbnail La Corea del Nord testa un missile simile all'Iskander russo
Evangelisti Maggiorino | 11 Mag, 2019, 04:12

Aumenta di giorno in giorno la tensione tra Washington e Pyongyang.

Giovedì 9 maggio il segretario alla difesa ad interim degli Stati Uniti, Patrick Shanahan, ha affermato che gli Usa continueranno a risolvere le questioni inerenti alla Corea del Nord attraverso i canali diplomatici. E' la prima volta che accade. "Nessuno è contento di questo", ha aggiunto ribadendo di pensare che i vertici del Nord "non sono pronti per negoziare".

La Corea del Nord ha lanciato nel pomeriggio due missili a corto raggio: è l'ipotesi accreditata dai militari sudcoreani, precisando l'analisi iniziale di lancio di "molteplici proiettili non meglio identificati".

Questa mattina Pyongyang ha corretto la rilevazione sudcoreana, sostenendo che si è trattato di "due missili a lunga gittata" e che il Rispettato Maresciallo Kim "ha personalmente guidato la prova di fuoco".

Kim ha deciso una "moratoria volontaria e unilaterale" come segnale di disponibilità negoziale verso gli Usa sul tema della denuclearizzazione, ritenendo legittimi, ma astenendosi dal farli fino a pochi giorni fa, solo i test di vettori a corto raggio.

Joseph Dempsey, analista del Pentagono, ha twittato sulla sua pagina che il nuovo missile balistico nordcoreano potrebbe essere l'Iskander russo. A dirlo è la Corea del Sud. Le risoluzioni dell'Onu, invece, sono chiare e mettono al bando ogni tipo di test balistici e attività collegate o compatibili con lo sviluppo di armamenti. Lo ha annunciato l'agenzia di stampa ufficiale Kcna.

Il lancio sarebbe avvenuto alle ore 16.30 di ieri - ora locale - da Sino-ri, località sita circa 77 chilometri a nord-ovest di Pyongyang, nella provincia di Pyongan Settentrionale.

Altre Notizie