Lunedi, 26 Ottobre, 2020

Notre-Dame, Pinault dona 100 milioni

Notre-Dame, Pinault dona 100 milioni Notre-Dame, Pinault dona 100 milioni
Evangelisti Maggiorino | 18 Aprile, 2019, 01:28

I vigili del fuoco, dopo aver domato l'incendio che ha devastato la cattedrale, si stanno ora concentrando sul monitoraggio del sito, per verificare che non vi siano focolai residui e che "la struttura sia stabile", ha riferito ancora Plus, citato dai media francesi. Duecento milioni arriveranno da Bernard Arnauld, magnate del gruppo Lvmh - che vuol dire marchi del calibro di Fendi, Bulgari, Christian Dior, Bulgari, DKNY, Celine, Guerlain, Givenchy, Kenzo, Loro Piana e Louis Vuitton.

Poche ore prima di questo annuncio la famiglia dell'altro tycoon del lusso francese Francois-Henri Pinault donerà 100 milioni di euro per la ricostruzione della cattedrale di Notre Dame dopo il devastante incendio di ieri. Tra le prime e più ingenti donazioni annunciate nelle prime ore dallo scoppio del rogo c'è quella della famiglia Pinault, si apprende dall'Ansa, una delle più facoltose di tutta la Francia. "Di fronte a una tragedia di tale portata, ognuno desidera di ridare vita il più presto possibile a questo gioiello del nostro patrimonio", ha dichiarato Pinault in un comunicato. L'investimento della famiglia Pinault avrà la finalità di "partecipare allo sforzo che sarà necessario al completamento della ricostruzione di Notre Dame". E il sindaco della città, Anne Hidalgo, ha proposto "una conferenza internazionale di donatori": un'occasione di confronto tra esperti e finanziatori. L'Ile de France, la regione di Parigi, ha stanziato 10 milioni di euro. Hanno già superato la soglia dei 600 milioni di euro le donazioni per restaurare la cattedrale, secondo un calcolo realizzato da Bfm-Tv. Per Andre Finot, portavoce della cattedrale, è "troppo presto per fare un bilancio sui danni".

Altre Notizie