Martedì, 16 Luglio, 2019

Nexi: in porto Ipo, è la maggiore al mondo del 2019

Schermata L'Ipo di Nexi al traguardo: raccolti 2 miliardi. Martedì il debutto a Milano
Esposti Saturniano | 14 Aprile, 2019, 13:27

A quel prezzo l'enterprise value di Nexi è di circa 7,5 miliardi di euro, cioé circa 17,5 volte l'ebitda pro-forma 2018 (si veda qui la nota informativa). Si tratta del collocamento di maggiori dimensioni in Italia negli ultimi 20 anni tra quelli riservati agli istituzionali e della più grande quotazione in assoluto nel settore payments a livello globale.

Sulla base del prezzo di offerta la capitalizzazione di Nexi è di 5,7 miliardi, comprensivi dell'aumento di capitale di 700 milioni.

L'offerta ha riscontrato un forte interesse da tutta la comunità finanziaria nazionale e internazionale, come emerso dalla sua sottoscrizione che ha registrato una richiesta al prezzo di offerta per un controvalore superiore a Euro 5,4 miliardi da una platea di più di 340 primari investitori internazionali.

Oltre 100 gli investitori istituzionali italiani che hanno sottoscritto l'Ipo.

Al termine del collocamento il prezzo di offerta è stato fissato a 9 euro per azione, rispetto alla forchetta di prezzo di 8,5-10,35 euro indicata in fase di collocamento.

Il flottante delle azioni Nexi, spiega la società, sarà pari a 35,6% del capitale sociale, incrementabile fino a 40,9% a seguito dell'eventuale esercizio dell'opzione c.d. greenshoe, con un ricavato complessivo dell'offerta pari a circa Euro 2.011 milioni - sempre al netto dell'eventuale esercizio dell'opzione Greenshoe.

Sono state collocate 223.405.054 di azioni, delle quali 125.000.000 da Mercury UK, la holding che raggruppa i fondi Bain, Advent e Clessidra che nell'ex Icbpi-Cartasì detenevano prima dell'Ipo il 93,2% del capitale mentre il rimanente 6,8% faceva capo alle banche italiane rimaste nell'azionariato.

I proventi netti dell'aumento, pari a 684,1 milioni, saranno impiegati da Nexi, insieme ai fondi rivenienti dal nuovo contratto di finanziamento disponibile a seguito del completamento dell'offerta, rispettivamente per ridurre l'indebitamento finanziario del gruppo e rifinanziare parte dell'indebitamento stesso col rimborso parziale dei prestiti obbligazionari emessi dalla società. Ad esito del Collocamento Mercury UK deterrà il 62.6% del capitale (57,3% del capitale sociale in caso di integrale esercizio dell'opzione greenshoe).

Altre Notizie