Lunedi, 15 Luglio, 2019

F1 2019: Binotto spiega la disfatta Ferrari a Melbourne: "Problemi di setup"

F1 | Ferrari Binotto sulla prima in rosso di Leclerc “La sua prestazione è stata molto buona” F1, delusione Ferrari nelle qualifiche del Gp d’Australia: Binotto spiega i motivi del fallimento
Cacciopini Corbiniano | 19 Marzo, 2019, 02:56

E' questa l'analisi del team principal della Ferrari, Mattia Binotto, sulla gara di Melbourne.

Sebastian Vettel terzo e Charles Leclerc quinto, non proprio il risultato che la Ferrari si attendeva alla vigilia delle qualifiche del Gp d'Australia.

A dover dar conto dei problemi che hanno afflitto la SF90 è stato Mattia Binotto. In generale la performance riflette quello che abbiamo mostrato anche in qualifica. Charles ha commesso un piccolo errore che non gli ha permesso di rimanere a ridosso dei leader mentre la vettura di Sebastian dopo il pitstop, con la gomma media, non ha mai trovato il grip giusto e il pilota non è stato in condizione di attaccare chi gli stava davanti. Abbiamo bisogno di tornare indietro e analizzare tutti i dati e provare a valutare davvero cosa è successo. Le condizioni qui sono sicuramente diverse da quelle di Barcellona, la pista è più accidentata e anche molto più ventosa, con diverse temperature e condizioni meteorologiche. "Alle volte ci sono gare dove non sei il migliore ed è comunque importante ottenere punti e alla fine è stata la nostra scelta".

"Non possiamo dire che questo sia il risultato che ci attendevamo ma siamo altresì consapevoli che Albert Park non è la nostra pista ideale per una serie di caratteristiche che non ci permettono di esprimerci al meglio". Ma il manager austriaco è sicuro che tra i due non ci saranno i problemi che si erano visti nel triennio 2014-2016 tra Lewis e Nico Rosberg: "Valtteri prima dell'inverno mi aveva detto che era stanco, sia fisicamente che mentalmente, poi a gennaio ha lavorato su sé stesso e si è presentato in formissima all'inizio della stagione: è questo il Valtteri che conosco." - ha spiegato Wolff, prima di concludere - "Fra Nico e Lewis c'era una rivalità personale, con Valtteri è tutto più facile".

Altre Notizie