Lunedi, 20 Mag, 2019

Tarrant in aula fa il gesto dei suprematisti

Brenton e il gesto suprematista in aula In Nuova Zelanda un attentato ha fatto 49 vittime
Evangelisti Maggiorino | 17 Marzo, 2019, 11:54

"Nessun gruppo ha ordinato il mio attacco, ho preso la decisione da solo nonostante io abbia avuto rapporti con molti gruppi nazionalisti e abbia contattato i rinati Cavalieri Templari per una benedizione a sostegno dell'attacco che mi è stata data" ha scritto il 28enne. Un corposo testo denominato "The Great Replacement" e pubblicato online in cui si descrive come "un semplice uomo bianco di 28 anni, nato in Australia in una classe lavoratrice a basso reddito che ha deciso di prendere posizione per garantire un futuro alla mia gente". "Loro sono tra gli uccisi e i feriti". Ci lavorava da due anni. E ci sono gli eroi storici delle guerre contro i musulmani, da Poitiers a Lepanto: il re franco Carlo Martello, il doge Sebastiano Venier, l'ammiraglio veneziano Marco Antonio Bragadin scuoiato vivo dai musulmani. Il New York Times scrive che nel video, che è stato successivamente rimosso, si vede un uomo che guida verso la moschea, parcheggia la macchina e inizia a sparare sui fedeli per due minuti senza fermarsi mai.

Tante le storie che si intrecciano in questa vicenda, nelle testimonianze dei sopravvissuti. C'è chi si è salvato lanciandosi attraverso una finestra, chi si è nascosto sotto una panca.

Il resto sono i colpi di coda di un orrore che gronda sangue e che eleva all'ennesima potenza la portata di terrore e paura, odio e follia omicida: e allora, sempre dal sito dell'Ansa apprendiamo che "sono state identificate due delle 49 vittime dell'attentato: si tratta di Haji Daoud Nabi, un afghano emigrato nel Paese con i suoi due figli nel 1977, e Khaled Mustafa, un rifugiato siriano che invece era arrivato con la famiglia solo qualche mese fa". Notizia della mail ricevuta è stata comunicata dall'ufficio della premier alla sicurezza del parlamento che ha contattato la polizia, come prevede la procedura standard. In tutto arrestate 4 persone.

Arder ha inoltre affermato che il killer di Christchurch ha utilizzato cinque armi nell'attacco, compreso un fucile semiautomatico e pistole.

Altre Notizie