Lunedi, 20 Mag, 2019

Locatelli sul Milan: "Mi sento ferito dai rossoneri: ho sofferto e pianto"

Locatelli Cutrone Locatelli: “Il Milan era la mia vita, ho pianto e sofferto”
Cacciopini Corbiniano | 16 Marzo, 2019, 04:27

Ecco le sue parole: "Non so se è giusto dire che mi abbiano abbandonato, ma non sentivo più fiducia". Sapevo che Sassuolo era la scelta giusta, qui ho trovato l'affetto di cui avevo bisogno e sono felice di essere arrivato. Affetto da ripagare, visto quanto ha speso (14 milioni di euro bonus compresi per l'obbligo di riscatto, ndr). Qui mi sento protagonista, importante, posso esprimere le mie qualità.

"Prima c'è il Sasol" però ci ha tenuto a precisare il centrocampista: "Ho faticato un po' all'inizio, ho sbagliato molto ma devo ringraziare De Zerbi ora". Mi voleva la Juve?

Manuel Locatelli è rinato sotto la guida di Roberto De Zerbi, il suo apporto al centrocampo dei neroverdi è significativo ed il minutaggio con la maglia degli emiliani cresce giornata dopo giornata. Vincerlo è difficile e ci proviamo, però siamo forti e molti di noi hanno cominciato a giocare con una frequenza.

Il classe '98, a La Gazzetta dello Sport, ha rilasciato alcune dichiarazioni sul suo passato, sul presente, sull'interesse della Juventus e ha raccontato un aneddoto che lo lega al suo migliore amico, Patrick Cutrone. E questo vuole dire tanto.

"Andiamo addirittura in piazza Duomo, acquistiamo dall'ambulante quelle eliche di plastica che lanciamo da un balcone chiedendoci che ne sarà di noi. Mancini? Non mi facci viaggi mentali.".

Altre Notizie