Lunedi, 25 Marzo, 2019

Rifiutato in TV feri' rivale, condannato

Immagine simbolo Immagine simbolo
Deangelis Cassiopea | 14 Marzo, 2019, 22:36

Non si arrendeva alla fine della sua storia d'amore e pur di farsi perdonare dalla sua ex fidanzata era andato anche in televisione, a C'è Posta per Te, la trasmissione condotta da Maria De Filippi su Canale 5. Così Emanuele Colurcio pensò bene di accoltellare il nuovo fidanzato della ragazza che lo aveva rifiutato davanti a milioni di telespettatori. Comprensibile la decisione di C'è posta per te e dell'editore di censurare quella storia, che sarebbe dovuta andare in onda nel corso della terza puntata dell'edizione del 2016.

Per quell'aggressione, Colurcio fu condannato a 14 anni in primo e in secondo grado di giudiio.

Ieri il ragazzo è stato condannato per il reato di tentato omicidio premeditato. Tra i capi di imputazione, oltre al tentato omicidio premeditato, anche il porto illegale del coltello e atti persecutori sulla ex e tra le aggravanti i motivi abietti. L'avvocato difensore Andrea Scardamagno, subentrato in appello al suo predecessore, aveva presentato ricorso in Cassazione che aveva deciso di annullare la sentenza in riferimento all'aggravante dei motivi abbietti e futili.

Altre Notizie