Lunedi, 20 Mag, 2019

Keith Flint dei Prodigy si è impiccato: confermato il suicidio

Keith Flint dei Prodigy è morto per impiccagione Keith Flint dei Prodigy, parla il medico legale: "Si è impiccato"
Deangelis Cassiopea | 13 Marzo, 2019, 19:09

Keith Flint dei Prodigy si è impiccato.

I Prodigy, simbolo assoluto degli anni Novanta, si sono fatti portatori della cultura rave in quel decennio e sono stati tra i più illustri esponenti della musica elettronica, con canzoni come "Smack My bitch up" e "Firestarter" che hanno fatto da colonna sonora di adolescenti e giovani del tempo. Il rappresentante ha poi aggiunto che il caso rimane sotto inchiesta mentre i rapporti di tossicologia sono stati già compilati.

L'ultimo grande nome a lasciare il proprio pubblico è stato quello di Keith Flint, la notizia della cui morte improvvisa ha straziato gli animi di tutti i suoi fan negli ultimi giorni. Il cantante aveva soltanto 49 anni ed è stato ritrovato morto nella sua abitazione dell'Essex, a sud dell'Inghilterra.

Così sembra ritenere la coroner che si occupata dello studio del suo corpo, anche se si è riservata di emettere un rapporto aggiornato e corretto il 23 luglio di questo anno.

Flint aveva avuto problemi di tossicodipendenza. Il suicidio era stato evocato fin da subito dai media del Regno e da altri componenti della band, come il leader Liam Howlett: "Non posso crederci, ma nostro fratello Keith si è tolto la vita durante il fine settimana - aveva scritto su Instagram - Sono scioccato, fottutamente arrabbiato, confuso e ho il cuore spezzato".

Altre Notizie