Lunedi, 25 Marzo, 2019

Per entrare a scuola da lunedì serve il certificato vaccinale

La somministrazione di un vaccino La somministrazione di un vaccino
Machelli Zaccheo | 13 Marzo, 2019, 12:41

"Oggi - spiega all'Ansa il presidente dell'associazione nazionale presidi Antonello Giannelli - è l' ultimo giorno per mettersi in regola con la documentazione che attesti l'avvenuta vaccinazione dei figli: crediamo sarà un giorno abbastanza tranquillo". Ed a preoccupare è anche il disagio sociale: non a caso, rileva Paolo Siani, capogruppo Pd in Commissione infanzia, "se si guarda nelle micro aree, si scopre che nell'istituto Leopardi di Torre Annunziata, scuola materna che accoglie i bambini del quartiere delle Carceri, fortino dei clan camorristici, 59 bambini su 250 (23,6%) non hanno esibito il certificato vaccinale". Palazzo Accursio ha fatto sapere che tutte le comunicazioni con le famiglie avverranno senza coinvolgere le scuole. I bambini che non hanno consegnato il certificato di avvenuta vaccinazione da oggi non entrano più a scuola. I casi sono segnalati all'Ausl e monitoriamo la situazione, c'è chi ha la pratica aperta e deve terminare le vaccinazioni. Una quindicina i casi conosciuti in Liguria: una decina di bambini a Genova, tre nello Spezzino e almeno due nel Chiavarese che sono stati sospesi dopo le verifiche eseguite dagli uffici comunali che hanno avvertito le scuole e le famiglie. Per evitare disagi le Pediatrie di comunità apriranno percorsi appositi per evitare troppe assenze ai bambini che non possono entrare a scuola. "Per questo prima di sottoporre mia figlia ai vaccini voglio avere le mie certezze".

Un padre e una madre di due bambini sono stati denunciati dai carabinieri del Nas di Livorno per falsità ideologica commessa da privato in atto pubblico per aver dichiarato il falso nelle autocertificazioni dei rispettivi figli riguardo all'obbligo di vaccinarli.

Perché, secondo il più classico cortocircuito cognitivo che si chiama "pensiero motivato", non si tratta di scoprire come stiano le cose, ma di dimostrare quella verità che più ci piace. Per quanto riguarda invece gli alunni di elementari e medie sarà l'Asur ad attivare un percorso che prevede richiami e sanzioni per chi non in regola con il vaccino di morbillo rosolia e parotite. E una mamma aggiunge: "Resta molta amarezza per tutti i bimbi che sono rimasti fuori da scuola, perché della scelta di non vaccinarli, presa dai genitori, loro non hanno colpa". I controlli, però, hanno mostrato come i due bambini non fossero mai stati immunizzati, contravvenendo agli obblighi di legge (10 vaccini obbligatori: anti-poliomelitica, anti-difterica, anti-tetanica, anti-epatite B, anti-pertosse, anti Haemophilusinfluenzae tipo B, anti-morbillo, anti-rosolia, anti-parotite e anti-varicella).

Altre Notizie