Domenica, 21 Luglio, 2019

"Dammi l'Iban", audio choc del prete accusato di abusi

Lecce, sacerdote indagato per pedofilia. In rete la telefonata con la vittima che lo incastra: Prete salentino accusato di pedofilia, la confessione shock: "L'ho fatto perché ti volevo bene"
Evangelisti Maggiorino | 03 Marzo, 2019, 21:36

Proprio nei giorni del summit sulla pedofilia voluto da Papa Francesco, torna di attualità una triste storia di abusi avvenuta nel Salento. Abusi che si sarebbero protratti per sette anni, fino a quando il giovane, che si è tenuto dentro questo dolore per trent'anni, non ha deciso di espatriare e farsi una nuova vita. Alle domande incalzanti dell'uomo che chiedeva il perché di quel clima di abusi, il prete risponde: "Era natura, era un atto di affetto". Infine il prete chiama anche in causa il vescovo invitando l'uomo a chiamarlo.

L'ultima chiacchierata risale al 2016 quando la presunta vittima si stava per sposare.

Sul caso la Procura di Lecce ha aperto un'inchiesta in cui il sacerdote è indagato per violenza e abusi sessuali su minori. La vittima ha anche registrato una telefonata choc con il prete che sostanzialmente ammette gli abusi.

Il vescovo, "nel prendere ancora una volta le distanze da quanto dichiarato da quest'ultimo nel corso del colloquio telefonico captato, si riserva di adire le vie legali contro chi ha osato (o oserà) mettere in dubbio la sua correttezza, sostenuta da iniziative concrete e documentate, e contro chi ha tentato (o tenterà) di offendere il suo nome e quello dell'Istituzione che rappresenta", conclude la nota.

Altre Notizie