Mercoledì, 24 Aprile, 2019

Foibe, presidente della Croazia scrive a Mattarella: 'Tajani si scusi'

Antonio Tajani alla foiba di Basovizza
Evangelisti Maggiorino | 13 Febbraio, 2019, 20:42

"Domenica ho partecipato alla commemorazione della giornata del ricordo delle vittime delle foibe, deponendo una corona sul ciglio della foiba di Basovizza a Trieste".

Dichiarazione che ha scatenato la dura reazione della Croazia: "Rifiutiamo questa affermazione - sottolinea il premier riportato da Repubblica - perché contiene elementi territoriali e di revisionismo". In aula sono stati inoltre sollevati di nuovo i casi di Asia Bibi - della quale da 14 giorni non si hanno più notizie - e la vertenza sostenuta in Sardegna dai pastori che versano in questi giorni il latte per le strade. Nelle lettere, diffuse in serata dalla stampa croata, la Kitarovic ha espressamente chiesto a Tajani di scusarsi. "Il mio riferimento a Istria e Dalmazia italiane non e' una rivendicazione territoriale ma un riferimento agli esuli italiani, ai loro figli e nipoti che erano presenti alla cerimonia".

Definendo "inaccettabile la falsificazione della storia del confine italo-sloveno", Bulc ha invitato via Twitter Tajani a rendere insieme a lei onore alle vittime italiane presso la foiba di Basovizza, ma anche a quelle slovene e croate della Risiera di San Sabba. La Risiera di San Sabba è stato un lager nazista utilizzato come campo di detenzione di polizia nonché per il transito e l'eliminazione di un gran numero di detenuti: prigionieri politici, sloveni, croati, italiani antifascisti o ebrei.

La precisazione non ha tuttavia soddisfatto la Slovenia.

Zagabria, 13 feb 18:36 - (Agenzia Nova) - Il presidente del Parlamento europeo Antonio Tajani ha ribadito oggi la propria condanna contro tutti i regimi totalitaristi, invitando a "trattare le vittime del fascismo, del nazismo e del comunismo con lo stesso rispetto".

Contraria alle dichiarazioni di Tajani è anche la presidente della Croazia Kolinda Grabar Kitarovic. "Viene criticato Salvini per il populismo e poi viene usata la sua stessa retorica, una retorica irredentista che è un attacco deliberato all'accordo di Osimo".

Altre Notizie