Domenica, 21 Aprile, 2019

Sabato 26 gennaio tornano le Arance della Salute dell'AIRC

Airc, tornano Le Arance della Salute contro il cancro Ricerca Airc: sabato arance nelle piazze (ecco quelle del Levante)
Machelli Zaccheo | 27 Gennaio, 2019, 15:53

Sabato facciamo il pieno di vitamine con le Arance della Salute, cerchiamo i volontari Airc nelle piazze delle nostre città e diciamo insieme: "Contro il cancro io ci sono!"

Nel prossimo fine settimana 2.000 volontari AIRC in Veneto e Trentino Alto Adige, così come ogni anno e nel resto del Paese, coloreranno d'arancio 230 piazze e circa 40 scuole con Le Arance della Salute per promuovere comportamenti e buone abitudini che riducono il rischio di cancro e per sostenere con una nuova raccolta fondi il lavoro di 5.000 ricercatori impegnati nei principali Centri di ricerca del Paese. Le "Arance della Salute" sono anche l'occasione per parlare di prevenzione, sana alimentazione e corretti stili di vita. Inoltre la speciale Guida propone gustose e sane ricette a base di arance, realizzate appositamente da alcuni fra i più rinomati chef italiani.

Con una donazione di 9 euro sarà possibile ricevere una reticella da 2,5 kg di arance e per chi volesse fare una scorta aggiuntiva di vitamine, da quest'anno, ci sono anche marmellata d'arancia (vasetto da 240 grammi, donazione minima 6 euro) e miele di fiori d'arancio (confezione da 500 grammi, donazione minima 7 euro). Anche il cibo può diventare un alleato per la prevenzione, se riduciamo anche altri fattori di rischio come la sedentarietà e l'obesità. Alcuni tipi di tumore - quelli che interessano esofago, stomaco e intestino - sono più sensibili agli effetti dell'alimentazione. Un'alimentazione salutare da sola però non basta: a una dieta varia ed equilibrata va aggiunta un'attività fisica regolare - almeno 30 minuti di camminata al giorno - che contribuisce a diminuire il rischio di tumore al colon e all'endometrio e del cancro al seno. Presta il volto in nome dei circa cinquemila scienziati dell'associazione. Accanto a lei Davide, giovane volontario abruzzese, che scenderà in piazza per sostenere concretamente i ricercatori che ogni giorno lavorano per rendere il cancro sempre più curabile.

Altre Notizie