Mercoledì, 20 Febbraio, 2019

La presentazione del Ducati team MotoGP 2019

MotoGp ecco la Ducati di Dovizioso e Petrucci Getty Images
Cacciopini Corbiniano | 19 Gennaio, 2019, 12:08

La presentazione è in programma a Neuchatel (Svizzera) nel Centro e Ricerche della Philip Morris: aspettiamoci una bella sorpresa nella livrea che riprenderà i concetti che la multinazionale del tabacco ha già lanciato in F1 sulla Ferrari con Mission Winnow.

A seguito dello streaming live potrete leggere gli articoli dei nostri inviati e le interviste ai tecnici e ai piloti. In ogni caso, la stagione 2019 che scatterà il prossimo 10 marzo in Qatar, sarà "una nuova avventura" per la Ducati, la prima per la nuova coppia tutta italiana, con DesmoDovi pronto a far sognare i tifosi e Danilo Petrucci che non vede l'ora di farlo. "Ringrazio tutti i membri della Ducati per quanto fatto in questi anni". Dovizioso rappresenta la continuità, elemento fondamentale del nostro team.

Claudio Domenicali, Amministratore Delegato di Ducati Motor Holding, ha poi affermato: "Le corse fanno parte da sempre del DNA di Ducati". In alcuni casi siamo stati protagonisti su piste che solitamente erano difficili per noi, abbiamo vinto con più piloti e anche quando i piloti non hanno vinto hanno disputato ottime gare. "Abbiamo già iniziato il nostro lavoro a Valencia e negli altri test, il motore avrà quest'anno ancora più cavalli, ma è cambiato il regolamento aerodinamico, speriamo di essere finalmente a una situazione di stabilità regolamentare, utile anche a risparmiare". "Mi ci sento molto bene con questa moto, penso che potrò veramente combattere per il campionato" - ha proseguito Dovizioso - "Ho un po' più di fiducia rispetto all'anno scorso, gli ultimi collaudi sono andati molto bene e a Sepang avremo una moto praticamente nuova". La GP-19 proverà a riportare il mondiale a Borgo Panigale, successo che manca da 12 anni e dal titolo vinto nel 2007 con Casey Stoner. Sin dall'inizio il nostro livello potrà essere eccellente, e da lì dovremo però costruire qualcosa di ancora migliore. Questa stagione me l'aspetto diversa dalle ultime due. "L'obiettivo sarà quello di lottare per il titolo, non saremo i favoriti, ma faremo di tutto". Non mi sento rilassato ma consapevole sì, so di aver svolto un buon lavoro durante l'inverno - ha spiegato il pilota umbro -. E da Davide Tardozzi, team manager: "Un colore rosso e aggressivo, non vedo l'ora di vedere i prossimi test". La moto nuova l'ho provata in Spagna: non è una rivoluzione, ma un'evoluzione che non ha punti negativi e a Jerez de la Frontera ho fatto un tempo inedito per me. Guardiamo con soddisfazione ai risultati raccolti nella scorsa stagione in pista, dove la nostra Desmosedici GP è stata una delle moto più competitive in assoluto, ma non possiamo certamente accontentarci per cui vogliamo fare un altro e decisivo passo in avanti.

Altre Notizie