Mercoledì, 21 Agosto, 2019

Le Signorine Buonasera riunite per festeggiare Nicoletta Orsomando!

Vaudetti su Facebook Vaudetti su Facebook
Deangelis Cassiopea | 11 Gennaio, 2019, 18:45

Era l'ottobre 1953 e la televisione cominciava le sue trasmissioni con lei.

Su Facebook ha iniziato a circolare uno scatto che, al suo interno, racchiude una fetta di storia del piccolo schermo italiano: sedute attorno a un tavolo a festeggiare, sono presenti 6 delle più famose Signorine Buonasera di sempre: da sinistra, nello scatto, Gabriella Farinon, Paola Perissi, Nicoletta Orsomando, Rosanna Vaudetti, Maria Giovanna Elmi e Aba Cercato.

Roma, 9 gen. (askanews) - Il prossimo 11 gennaio Nicoletta Orsomando, la celebre annunciatrice Rai, compirà 90 anni.

"Signore e signori buonasera" l'esordio davanti alle telecamere, nella presentazione di un documentario del National Geographic con una frase che è poi diventata un marchio di fabbrica. Per oltre quarant'anni, la sua voce calma ha spiegato ai telespettatori i programmi che avrebbero potuto vedere di lì a breve, concludendo con quel garbato e rassicurante "non mi resta che salutarvi", che chiudeva ogni suo annuncio. Nelle interviste che ha concesso negli ultimi anni ha raccontato di una televisione cresciuta con lei, molto diversa da quella attuale, di cui rimpiange la trasmissione dei concerti, delle opere liriche e soprattutto delle commedie teatrali.

A spingerla a fare il provino in Rai è il padre Giovanni, clarinetto solista nella banda di fanteria.

Amiche lo sono rimaste davvero.

La Orsomando ha avuto nel corso degli anni anche alcune esperienze come conduttrice. Con un artista in famiglia, la carriera di Nicoletta non poteva restare solo annunci ed ecco arrivare per lei "la tv dei ragazzi", l'indimenticata trasmissione dell'"amico degli animali", con Angelo Lombardi e persino un Festival di Sanremo, con Nunzio Filogamo nel 1957. Poi nel 1966 conduce "Un disco per l'estate", mentre nel 1965 inaugura insieme a Jader Jacobelli 'La giornata parlamentarè (poi divenuta "Oggi al Parlamento").

Nel 2016, seguendo l'esempio delle reti Mediaset, la Rai ha eliminato la figura delle annunciatrici.

Altre Notizie