Lunedi, 21 Gennaio, 2019

Mertens: "Napoli è casa mia, puntiamo all'Europa League"

Napoli, carica Mertens: ?Prendiamoci l?Europa League. E se la Juve si ferma...? Mertens: "Koulibaly non era giù per il rosso in Inter-Napoli, sentiva di aver perso contro i razzisti"
Cacciopini Corbiniano | 11 Gennaio, 2019, 14:08

Nel corso di un'intervista a Radio Kiss Kiss, Dries Mertens è tornato a parlare dei cori razzisti indirizzati al suo compagno di squadra nel corso di Inter-Napoli del 26 dicembre. Abbiamo in squadra talenti assoluti e sono convinto che su questa strada potremo tagliare traguardi importanti in futuro. Vivo qui da 6 anni, la gente mi ha dato un affetto enorme e mi ha adottato come un napoletano vero.

Per Mertens difficile raggiungerla almeno a breve: "Sicuramente hanno una grande potenza economica ed è difficile per tutte poter competere". Siamo cresciuti tanto e per questo dobbiamo ringraziare il Napoli.

Domenica c'è la Coppa Italia per il Napoli, al San Paolo arriva il Sassuolo per gli ottavi di finale. Ci abbiamo provato anche l'anno scorso. Per me Napoli oggi è una casa. Koulibaly è un fratello per me, a Milano l'ho visto male: "gli sembrava che avessimo perso per via del razzismo di cui era stato vittima e non si dava pace". "Questo è un problema che riguarda tutti e che il calcio italiano deve risolvere al più presto".

Un commento anche all'eliminazione dalla competizione più attesa: "Non siamo stati fortunati, abbiamo disputato un girone bellissimo. Adesso punteremo alla Europa League perché possiamo arrivare lontano".

Altre Notizie