Lunedi, 21 Gennaio, 2019

Usa, donna in coma da 14 anni viene violentata e partorisce

USA indagini della polizia su donna messa in cinta durante coma                Sputnik. Vladimir Smirnov USA indagini della polizia su donna messa in cinta durante coma Sputnik. Vladimir Smirnov
Evangelisti Maggiorino | 07 Gennaio, 2019, 22:58

Si sospetta che la paziente sia rimasta incinta in seguito a una violenza sessuale e, per questo motivo, la Polizia ha subito aperto un'indagine per stupro e sta già lavorando per individuare l'autore di questo gesto ignobile.

La donna è in stato vegetativo persistente da ormai 10 anni, a causa di un grave incidente che le ha lasciato profondi danni al cervello. Durante il mese di dicembre 2018 ha cominciato a produrre dei suoni, dei lamenti, all'interno della sua stanza al Phoenix Hacienda HealthCare, centro nel quale è tenuta in vita. A riferire la notizia al pubblico è stata l'emittente KPHO-TV che è la filiale della CBS a Phoenix. Secondo un'altra fonte anonima, la donna avrebbe iniziato ad emettere dei gemiti: quando un'infermiera è accorsa al suo letto ha visto che la testa del bambino stava iniziando ad emergere. Un'altra fonte ha aggiunto che "nessuno dello staff sapeva che era incinta fino a quando non ha praticamente dato alla luce il bimbo". Nessuno dunque parla apertamente di stupro. "Di sicuro la fiducia nel centro Hacienda HealthCare è rotta".

"Le leggi sulla privacy federali e statali ci proibiscono di discutere pubblicamente la salute o il caso di un paziente" ha fatto sapere l'azienda sanitaria che ospita circa 60 pazienti. Un portavoce incaricato di comunicare con i media ha affermato che è interesse dell'azienda sanitaria fare luce su quanto è successo e che la verità sull'accaduto non è lontana. Restano ad esempio prive di conferma le indiscrezioni secondo cui il personale sanitario sia stato sottoposto al test del DNA. Il personale maschile non è più ammesso nelle stanze delle pazienti donne mentre è in corso l'inchiesta.

Altre Notizie