Sabato, 24 Agosto, 2019

Le borse europee chiudono in forte rialzo, Milano +3,37%

Effetto Apple borse europee in rosso Apple, le stime al ribasso per il primo trimestre mettono in crisi le borse europee
Esposti Saturniano | 06 Gennaio, 2019, 04:11

Le borse europee migliorano dopo l'avvio in netto rialzo di Wall Street. Sui listini del Vecchio continente si abbatte l'effetto di Apple che ha tagliato le stime del primo trimestre. Giù Londra (-1,71%) seguita da Parigi, che registra un importante calo del 2,29%. Si riducono le perdite tra i titoli del comparto finanziario (-0,2%) mentre passa in rialzo il settore dell'energia (+1,2%), dopo che il petrolio ha invertito la rotta a New York e le quotazioni sono avanzate del 2,84% a 46,70 dollari al barile. Allo stesso tempo, però, l'amministratore delegato del colosso di Cupertino si è detto comunque sicuro che, nonostante i problemi attuali, il futuro commerciale di Apple in Cina sarà certamente roseo, e che le difficoltà verranno ben presto superate.

In caduta libera Moncler, che affonda del 3,88%. In calo Bper (-2%), Intesa (-1,7%), Ubi (-1,6%) e Unicredit (-1,2%). A Francoforte male Dialog Seminductor (-8,3%) e Infineon (-3,4%). Segni negativi si sono registrati anche tra le borse asiatiche, orfane della piazza di Tokyo chiusa anche oggi per festività. A pesare è anche il dollaro forte: "sapevamo che un dollaro forte avrebbe creato venti contrari", anche alla luce del suo impatto sulla domanda di iPhone. A colpire è soprattutto il fatto che il taglio delle stime arriva a soli 60 giorni dalle precedenti previsioni diffuse dall'azienda. "Non possiamo cambiare le condizioni macroeconomiche, ma - tenta di rassicurare Cook - stiamo prendendo e accelerando altre iniziative per migliorare i nostri risultati".

Altre Notizie