Venerdì, 20 Settembre, 2019

Impresa Cagliari con la Roma: 2-2 acciuffato in 9 al 95'

Cagliari-Roma Maran Getty Images
Cacciopini Corbiniano | 09 Dicembre, 2018, 02:26

Il finale è convulso, il Cagliari insiste e trova il 2-2 di Sau al 95' dopo una doppia espulsione di Srna e Farango. Quelli di Di Francesco invece - Luca Pellegrini per Kluivert, Pastore per Schick e Juan Jesus per Zaniolo - faranno discutere.

MANOLAS RECUPERATO - Di Francesco deve fare i conti con le assenze di Lorenzo Pellegrini, De Rossi, Dzeko ed El Shaarawy, ma recupera in extremis Manolas. Il reparto offensivo è in mano ai giovanissimi, con Schick terminale offensivo davanti al trio formato da Kluivert, Zaniolo e Under: 81 anni in 4!

Una partita incredibile. Che sembrava già terminata e a un certo punto indirizzata verso la goleada.

SUBITO CRISTANTE - La Roma parte con un pressing alto che mette in difficoltà il Cagliari e ha subito un'ottima occasione per sbloccare il match con Zaniolo, ma il tiro finisce al lato. E la missione è stata incredibilmente fallita, nonostante la gara si fosse messa sui binari migliori a fine primo tempo, chiuso avanti per 2-0. Il Cagliari non reagisce e i giallorossi provano ad affondare il colpo. L'attaccante sardo poi a fine gara, a Sky, ha parlato così: "Era praticamente impossibile riprendere questa gara ma ce l'abbiamo fatta e questo risultato ci dà tanto morale". Al 35' Faragò costringe Manolas a una deviazione provvidenziale. Nel frattempo dall'altra parte la squadra di Maran ha acceso una serie di mischie pericolose in area di rigore ed al 40' arriva anche al gol, con Joao Pedro che su angolo spizza e Ionita che in corsa insacca di testa. E poi è quasi solo Roma: si capisce dal tiro di Zaniolo al 3'. Ieri, al sito Corriere Giallorosso, ha parlato di "Disgrazia". Sembra tutto in mano ai capitolini, ma nella ripresa cambia tutto. Mazzoleni dopo un lungo tergiversare va al Var a rivedere l'azione, ma non concede il penalty, ritenendo involontario il tocco del serbo.

IONITA LA RIAPRE - La squadra di Maran spinge al massimo, costringendo la Roma ad arretrare il baricentro. Osservato un minuto di silenzio in ricordo di Gigi Radice, ex allenatore di entrambe le squadre recentemente scomparso. I giallorossi, che buttano via due punti nella rincorsa al quarto posto sbattono contro l'orgoglio di un Cagliari che fa l'impresa segnando due gol tra l'85' e il 96', il secondo con due uomini in meno per altrettante espulsioni.

Altre Notizie