Lunedi, 10 Dicembre, 2018

Calendario Pirelli 2019, anche la Casta in posa per Watson

Pirelli 2019 il calendario che racconta i sogni delle donne Gigi Hadid- Alexander Wang Condividi
Deangelis Cassiopea | 07 Dicembre, 2018, 22:26

La star dell'American Ballet Theatre Misty Copeland veste i panni di una ballerina che per mantenersi si esibisce in uno strip club, ma che condivide col suo fidanzato (Calvin Royal III) il sogno di diventare un giorno una grande Étoile. Volevo fare qualcosa di più che non semplicemente ritrarre delle persone, volevo far sembrare il tutto più simile a dei 'fermi immagine' cinematografici. A firmarlo per il 2019 è il grande maestro della fotografia Albert Watson.

Si intitola: "Dreaming" la quaranteseiesima edizione del calendario Pirelli presentata a Milano il 5 dicembre e firmata da Albert Watson, fotografo scozzese tra i 20 più influenti di tutti i tempi secondo la rivista Photo District News.

Watson si è avvalso di tutte le moderne tecniche di fotografia compreso Photoshop, ma senza esagerare.

Ne è esempio il personaggio interpretato da Gigi Hadid.

Il Pirelli 2019 racconta della modella Gigi Hadid, una donna ricca appena separata dal marito che trova nello stilista Alexander Wang l'amico che l'aiuterà a trovare la serenità. Con la modella volevo trasmettere la percezione di una donna che pensa al futuro, ma anche un senso di solitudine. Un segno importante nell'era del #Metoo che dimostra come le donne stanno ritrovando potere in loro stesse. Ha interpretato una fotografa botanica, che sogna di realizzare mostre di successo.

Il gossip si era subito scatenato, con molti che si chiedevano se non ci sia stata proprio Annalisa dietro alla rottura con la Isoardi. In un'altra, Letitia Casta è un'artista fotografata nel suo studio con il compagno, il ballerino ucraino Sergei Polunin: entrambi sognano il successo. E in effetti gli scatti sembrano scene estrapolate da film di epoche e correnti diverse le une dalle altre, come a voler sottolineare la natura mutevole e personale dei sogni. Partendo dal tema del "sogno come riflessione su quello che sarò e farò domani", spiega Watson, "l'obiettivo era esplorare le donne e creare una situazione che ne proponesse una visione positiva". Ha poi deciso di utilizzare per i propri scatti anche vecchie luci al tungsteno anni '30 per dare un tocco vintage al suo calendario.

Altre Notizie