Lunedi, 10 Dicembre, 2018

Più libri punta a superare record 2017

Torna a Roma ‘Più libri più liberi’, Umbrialibri porta 20 editori umbri alla Fiera della piccola e media editoria
Deangelis Cassiopea | 07 Dicembre, 2018, 18:21

"I miei anni in terra di Persia" - Armando Editore, che domani verrà presentata alla Nuvola di Fuksas dell' Eur durante la fiera della piccola e media editoria "Più libri più liberi". Bisogna ricordare ai ragazzi l'importanza dei ricordi, della memoria, perché nella nostra società tutto è diventato evanescente.

Del valore della lettura per le nuove generazione ha parlato anche Massimiliano Smeriglio Vicepresidente e Assessore Formazione, Diritto allo Studio, Università e Ricerca, Attuazione del Programma della Regione Lazio: "La scelta della Regione di sostenere questa grande fiera è una scelta politica, quella di sostenere la cultura e la produzione editoriale delle piccole e medie case editrici. Quest'anno abbiamo deciso di investire nel progetto del Buono Libro grazie al quale i ragazzi potranno scegliere il libro che desiderano e portarlo a casa". La tecnologia aiuta, ma ci sono cose insostituibili. Ed anche di Luca Bergamo, vicesindaco con delega alla crescita culturale di Roma Capitale.

Quest'anno il programma professionale sarà aperto al confronto con l'estero e gestito a partire da una fitta rete di incontri preparatori curati dal Gruppo piccoli editori di AIE, che porrà al centro il tema cruciale della distribuzione e, in modo più ampio, della visibilità nei canali di vendita e non solo. Mondo che ci vede dolenti nelle classifiche europee, dove siamo fra gli acquirenti di saggi e narrativa ai pioli più bassi, nonostante si registri nel nostro Paese una pletora di "nuovi autori" (spesso imitatori e rielaboratori di quell'infinito universo di story telling televisivi che basterebbe e avanzerebbe, forse), e nonostante piaccia sempre ritrovare una serie di progetti socio-politici legati alla parola scritta fra cui sono senz'altro da segnalare il nuovo brand GOG che ha appena lanciato fra le new entry di novembre la critica alla democrazia borghese di Edouard Berth in "I crimini degli intellettuali", Mimesis di Milano, sempre più top nelle esclusive filosofiche, e l'intramontabile Elèuthera che mette in vetrina l'intrigante "Il consenso nell'epoca del terrorismo" di Philippe Godard. Come si sta concludendo il 2018.

Editoria e territorio A 'Più libri più liberi' 2018 la Regione Umbria sarà, con buona parte degli editori umbri, all'interno di uno stesso spazio caratterizzato dalla segnaletica Umbria/Editoria, a sottolineare il rapporto tra editoria e territorio. Il tema di questa edizione è "Per un nuovo umanesimo". Di libertà di stampa parlerà Lirio Abbate (sala La Nuvola, alle 11.45).

Roma 8 dicembre 2018 ore 17,30 -!8,30.

L'editoria italiana conferma la sua capacità di conquistare i mercati stranieri. Si confronteranno Pablo De La Vega e Carmen Prestia, moderati da Stefano Salis. Sarà presentato il libro "La mafia". Conclude la giornata di giovedì la presentazione del libro "Corrotti, no" di Jorge Mario Bergoglio con ospiti Francesco Canazi, don Luigi Ciotti ed Enzo Romeo.

Altre Notizie