Giovedi, 13 Dicembre, 2018

Caso Khashoggi: identificato lo 007 che preparò l'omicidio

Sean Penn in Turchia per realizzare un documentario su Khashoggi Khashoggi, Turchia chiede l’arresto di due funzionari sauditi
Evangelisti Maggiorino | 07 Dicembre, 2018, 12:58

La Turchia ha già chiesto la loro estradizione, ma Riad replica che i sospetti "saranno processati in Arabia Saudita" e fa sapere che sono già stati rimossi dai loro incarichi. I sauditi hanno ammesso l'omicidio solo due settimane dopo la sparizione di Khashoggi, cambiando più volte versione: dopo averlo negato hanno detto che il giornalista era morto in un arresto finito male, infine hanno ammesso che l'omicidio era pianificato, ma all'insaputa del principe saudita Mohammed Bin Salman. Il principe si è visto opporre un secco rifiuto alla richiesta di incontrare al G20 il presidente turco, Recep Tayyip Erdogan. "Se il principe ereditario andasse davanti a una giuria, sarebbe condannato in 30 minuti" ha aggiunto Corker. Ponendo in risalto che non vi è una verità accertata e consolidata, nonostante sia stato divulgato un video che incastrerebbe alcuni uomini vicini al principe, resta un dato di inequivocabile gravità: quello dell' omicidio di un cronista perpetrato in una sede diplomatica. Accuse respinte "categoricamente" al mittente dalla portavoce dell'ambasciata saudita a Washington, Fatimah Baeshen: "Ci atteniamo a quanto già detto, ossia che il principe ha continui rapporti con i diversi responsabili del suo gabinetto su questioni diverse", ha spiegato in una serie di tweet.

Mattis e il segretario di Stato, Mike Pompeo, assecondando la riluttanza di Trump ad accusare Riad, avrebbero voluto evitare l'approvazione di una risoluzione contro l'intervento saudita nello Yemen, ma hanno dovuto registrare una netta sconfitta con i senatori che hanno deciso di procedere verso la risoluzione. L'alto commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani, Michelle Bachelet, ha sollecitato l'apertura di un'indagine internazionale. L'accusa per i due è di aver fatto parte dello "squadrone della morte" che ha pianificato l'assassinio all'interno del consolato di Istanbul doveKhashoggi si era recato per chiedere copia dei documenti del suo divorzio. Riad ha fatto sapere che 21 persone sono indagate e cinque di queste rischiano la pena di morte.

Altre Notizie