Lunedi, 10 Dicembre, 2018

Tra Cina e Usa torna il gelo. In dubbio accordi G20

Il presidente degli Stati Uniti Trump e la cancelliera tedesca Angela Merkel durante il summit di Buenos Aires Il presidente degli Stati Uniti Trump e la cancelliera tedesca Angela Merkel durante il summit di Buenos Aires
Evangelisti Maggiorino | 07 Dicembre, 2018, 02:27

"L'accordo tra Cina e Stati Uniti ha un enorme potenziale per il commercio equo", scrive il quotidiano.

L'intesa è arrivata dopo una cena durata circa due ore e mezzo al Duhau Park Hyatt di Buenos, cominciata alle 17.30 di ieri, secondo il fuso argentino, più lunga di quanto avrebbe voluto la Casa Bianca.

L'Accordo di Parigi rimane "la stella polare" per ciò che concerne i cambiamenti climatici, ha detto il premier Giuseppe Conte nel suo intervento alla sessione di lavori di stamane del G20. Dall'altra, Pechino ha accettato di avviare una nuova trattativa, che nell'arco di 90 giorni dovrà cambiare i rapporti commerciali tra i due paesi. Presenti, per gli Usa, anche il consigliere alla Sicurezza, John Bolton, il capo dello staff di Trump, John Kelly, e lo Us Trade Representative, Robert Lighthizer. I leader fanno solo riferimento all'esistenza di "problemi sul fonte del commercio" e si sottolinea la necessità di riformare il Wto: "C'è spazio per un miglioramento" di questo organismo, scrivo i leader. Oltre a loro erano presenti il direttore dell'Ufficio Generale del Comitato Centrale del Partito Comunista Cinese, Ding Xuexiang, e il direttore della segretaria del Gruppo Guida sugli Affari Esteri, Yang Jiechi.

Per sbloccare la situazione il presidente americano ha promesso che dal primo gennaio non scattera', come era previsto, l'aumento al 25% delle tariffe su una serie di prodotti 'made in China' dal valore complessivo di 200 miliardi di dollari, quelli su cui gli Usa hanno gia' fatto scattare un dazio del 10%, dall'acciaio all'elettronica.

Dopo l'iniziale euforia per la tregua commerciale raggiunta al G20, il mercato guarda con preoccupazione alle relazioni Usa e Cina mentre tra i due paesi sembra essere tornato il gelo. Il comunicato della Casa Bianca cita anche i "grandi progressi fatti" rispetto alla Corea del Nord, nel quale Trump esprime "amicizia e rispetto" per il leader nord-coreano, Kim Jong-un. "È stato un incontro meraviglioso e produttivo", sono le parole attribuite al presidente Usa, "con possibilità illimitate sia per gli Stati Uniti che per la Cina".

Altre Notizie