Lunedi, 10 Dicembre, 2018

F1 | Luca Cordero di Montezemolo e le considerazioni Hamilton - Ferrari da FantaF1

LAT Images LAT Images
Cacciopini Corbiniano | 05 Dicembre, 2018, 21:57

Stando alle parole di Montezemolo, raccolte durante un'intervista per La politica nel pallone (programma radio di GR Parlamento), Lewis "ha fatto la differenza": tutto vero, ma nel ragionamento manca un dettaglio.

Effettivamente l'ex Presidente della Rossa ha ragione da vendere nel sottendere che il Lewis Hamilton visto in pista quest'anno abbia corso in uno stato di grazia particolare: statistiche alla mano, l'inglese ha collezionato ben 408 punti su un totale di 525 disponibili, contando un quinto posto come risultato peggiore. Anche lui è un ragazzo che ha i suoi momenti di debolezza e va un po' in crisi, però io credo senz'altro che l'Hamilton di quest'anno con la Ferrari avrebbe vinto. La Ferrari ha rincorso spesso il Mondiale negli ultimi anni, e in certi momenti ha dato la sensazione di poterlo vincere, ma così non è stato.

Che il rapporto tra Luca di Montezemolo e la Ferrari, squadra da lui diretta dal 1991 al 2014, non si sia chiuso nel migliore dei modi non lo scopriamo oggi. "Dico questo non per sminuire Vettel, che ha tutte le opportunità di ottenere una rivincita con un'auto competitiva", ha aggiunto l'italiano.

Montezemolo sa come approcciarsi con i piloti, ritenuti dei veri e propri Superman ma in realtà esseri umani come tutti noi: "Sono sempre stato dell'idea che bisogna tenere la squadra unita, si vince e si perde tutti insieme. Ne parlavo con Todt, anche Schumacher all'inizio commetteva errori, l'importante è parlarsi in chiaro nello spogliatoio e di supportare la squadra in pubblico". Più personalmente, Montezemolo, 71 anni, ha escluso il suo ritorno in F1, dichiarando: "Da zero a cento, la possibilità è inferiore allo zero". "La Ferrari quest'anno ha fatto una buona macchina, in alcune situazioni anche superiore alla Mercedes, ma forse è mancata la zampata finale". "Michael è un gran lottatore, voglio bene a lui e alla famiglia. Quello che mi è un po' spiaciuto è vedere una Ferrari che già a tre o quattro gare dalla fine era già battuta".

Montezemolo ha, almeno in parte, rincarato la dose.

Il mondiale 2018 di Formula 1, nonostante una crescita che l'ha portata a giocarsi il titolo quasi fino all'ultima gara, ha rappresentato l'ennesima delusione per la Ferrari, incapace di interrompere la maledizione che sembra aleggiare su Maranello; è dal 2008, infatti, anno nel quale Kimi Raikkonen e Felipe Massa conquistarono il mondiale costruttori, che la Rossa non riesce a battere gli avversari.

Altre Notizie