Lunedi, 10 Dicembre, 2018

Sully, il cane di Bush padre veglia ancora la bara del padrone

Sully, il cane di Bush padre, che veglia ancora il suo presidente Sully, il cane di Bush padre veglia ancora la bara del padrone
Evangelisti Maggiorino | 05 Dicembre, 2018, 07:23

Se lo sono chiesti in tanti osservando gli occhioni tristi dell'esemplare di labrador retriever che ha accompagnato gli ultimi mesi di vita del 41esimo presidente degli Stati Uniti d'America.

Gli utenti dei social media hanno ringraziato Sully per i suoi servizi e sono rimasti sconvolti per la lealtà dei cani in genere nei confronti dei loro proprietari. "Missione compiuta", ha scritto l'ex portavoce di Bush e signora, Jim McGrath, pubblicando la foto del cane che è stato il migliore amico dell'ex presidente Usa. Nella foto pubblicata sul suo profilo Instagram, l'animale veglia da ore la bara del suo padrone coperta dalla bandiera statunitense. L'ex presidente lo aveva presentato su Twitter nel giugno scorso, spiegando come tra i due si fosse creata da subito una certa sintonia.

Sully ha un nome importante e un passato altrettanto degno di nota. Il presidente soffriva di una forma di morbo di Parkinson e il cane lo assisteva aprendo le porte, prendendo gli oggetti e aiutandolo in varie attività.

Sully, il cane di Bush padre, che veglia ancora il suo presidente

Sully ha il nome del pilota eroe che salvò i passeggeri del volo 1549 da un incidente aereo facendo l'ammaraggio nel fiume Hudson a New York nel 2009.

Sully ora ritornerà all'Associazione America's VetDogs prima di cominciare un nuovo lavoro con le truppe in terapie fisiche e comportamentali al Walter Reed National Military Medical Center.

Altre Notizie