Lunedi, 10 Dicembre, 2018

Gilet gialli: choc in Francia, vertice all'Eliseo

Parigi: 'gilet gialli' ancora in piazza, tafferugli con la polizia Gilet gialli, proteste e scontri con la polizia a Parigi
Esposti Saturniano | 04 Dicembre, 2018, 11:08

Mouraud ai media francesi si è soffermata molto sul problema delle minacce ricevute e ha accusato la parte dei gilet gialli che secondo lei sono "una specie di ragazzini anarchici, manipolati" e che non vogliono trovare "alcuna soluzione" ma soltanto "fare casino".

La polizia ha già arrestato 60 persone sugli Champs Elysees nelle proteste di questo sabato.

Arriva fino al cuore dell'Europa, la rabbia dei gilet gialli, il movimento spontaneo di cittadini nato in Francia per contrastare l'aumento delle accise sulla benzina diesel voluto dal presidente Emmanuel Macron e in difesa del potere d'acquisto.

In giornate si è mosso per la prima volta anche un collettivo dei gilet gialli che si presenta come "portavoce dei gilet gialli liberi". Si tratta della terza vittima dall'inizio del movimento, due settimane fa.

Nel corso dei tafferugli era stato fermato per una trentina di minuti un giornalista francese, poi rilasciato. Ma potrebbe non bastare per fermare la crisi politica del leader di En Marche che ora, oltre ai consensi in picchiata, vede perdere sempre di più la legittimità in Parlamento. "I ladri e i saccheggiatori dovranno essere puniti". La portavoce della polizia Ilse Van de keere ha spiegato che la sicurezza ha risposto ai manifestanti che lanciavano petardi e pietre contro di loro.

PARIGI Il giorno dopo le violenze e gli atti di vandalismo all'Arco di Trionfo e nei viali vicini, il presidente Emmanuel Macron tornato dall'Argentina ha visitato a sorpresa i luoghi degli scontri e incontrato forze dell'ordine e pompieri. Mentre il suo premier Philippe domani dovrebbe incontrare una delegazione degli esponenti moderati. Uno di loro, Jason Herbert, ha abbandonato Matignon perché non è stata accettata la richiesta di trasmettere la diretta streaming. "La porta del governo resta aperta", ha detto il premier al termine della riunione con l'unico rappresentante dei gilets-jaunes rimasto dentro, mentre su Change.org supera un milione di firme la petizione 'Pour une baisse des prix du carburant à la pompe' lanciata dalla casacca gialla Priscilla Ludosky. Anche i giardini delle Tuileries sono stati infatti teatro di proteste, subendo danni di minor entità. Il presidente ha percorso a piedi avenue Kléber, una delle vie più ricche della capitale, che ieri è stata teatro di barricate e incendi come del resto avenue Foch, altro luogo simbolico dell'alta borghesia parigina. A solidarizzare con il movimento anche i tanti studenti francesi oggi in sciopero contro la riforma dell'Istruzione.

Altre Notizie