Lunedi, 10 Dicembre, 2018

Cosa ha detto Conte dopo l'incontro con Juncker

Manovra, Di Maio apre all’Europa: «Si può trattare ma senza tradire gli italiani» Manovra, Conte: “Fiducia non scontata, si decide all'ultimo”
Evangelisti Maggiorino | 04 Dicembre, 2018, 06:50

"È logico che l'economia si fermi se l'ultimo governo del Pd ha fatto una manovra insipida che non aveva alcun investimento", prosegue il capo politico dei Cinquestelle in occasione di una visita, nel trevigiano, all'impianto innovativo di trattamento rifiuti di Contarina spa.

Segnali di disgelo tra l'Italia e l'Unione Europea in merito alla manovra. "Gli imprenditori - conclude - hanno avuto sempre più incertezze, si è bloccato l'export a causa di una guerra dei dazi tra Cina e Usa". Il presidente ha sottolineato che nell'incontro con Juncker non "si è parlato di Pil", alla luce dei nuovi dati Istat, ma che gli interlocutori europei "condividono del tutto la prospettiva italiana di assecondare una crescita che non c'è stata e una politica sociale efficiente". Intanto fonti della presidenza del Consiglio smentiscono l'ipotesi che, per portare il deficit al 2%, si stia valutando un taglio da 7 miliardi della manovra. "Ho incontrato il presidente del Consiglio italiano Giuseppe Conte a Bruxelles, e lo incontrerò ancora qui", ha ricordato Juncker. "Non siamo in difficoltà adesso che la difendiamo", ha aggiunto il premier. Questa mattina abbiamo fatto colazione con il ministro Tria, con il presidente Juncker e con Moscovici e parte dello staff tecnico. "Non si è parlato di numeri finali", ha detto Conte al termine del colloquio. "Se l'economia rischia di fermarsi noi dobbiamo fare una manovra che mette soldi nell'economia".

Manovra: Conte, rafforzare investimenti per crescere - "Dobbiiamo fare una manovra di segno diverso, non di segno recessivo". "Sono assolutamente fiducioso in un accordo - ha aggiunto Conte -". Lo ha detto il vicepremier e leader della Lega Matteo Salvini rispondendo a Maria Latella su SkyTg24.

Altre Notizie