Venerdì, 22 Gennaio, 2021

Ad ottobre aumentano i disoccupati (ma nel 2018 sono diminuiti)

Ad ottobre aumentano i disoccupati (ma nel 2018 sono diminuiti) Ad ottobre aumentano i disoccupati (ma nel 2018 sono diminuiti)
Esposti Saturniano | 03 Dicembre, 2018, 08:12

Analizzando i dati nello specifico, rispetto al mese di settembre sale anche il tasso di disoccupazione dei giovani, arrivato al 32,5% (+0,1 punti ma il mese precedente è stato rivisto dal 31,6% al 32,4%). La diminuzione coinvolge uomini e donne e si distribuisce in tutte le classi di età ad eccezione dei 25-34enni. L'occupazione appare quindi in calo nel trimestre agosto-ottobre rispetto a quello precedente (-40.000 unità).

A ottobre, l'Istat stima un calo degli inattivi tra i 15 e i 64 anni (-0,6%, pari a -77 mila unità).

"Sono contento che con i dati Istat di oggi si certifica un aumento di decine di migliaia dei contratti stabili, a tempo indeterminato, vuol dire che qualcosa funziona nel decreto dignità". L'Istat, poi, aggiunge che il tasso di occupazione, pari al 58,7%, non fa registrare variazioni congiunturali. Con riferimento all'età, calano gli occupati tra i 25 e i 49 anni mentre si registra una lieve crescita tra i 15-24enni e un aumento più consistente tra gli ultracinquantenni. La disoccupazione giovanile è attualmente del 32,5% (crescita +0.1 punti). I disoccupati nel mese erano 2.746.000, in crescita di 64.000 unità su settembre e in calo di 118.000 unità su ottobre 2017.

Nel trimestre crescono i dipendenti a termine (+62 mila) e calano sia i permanenti (-64 mila) sia gli indipendenti (-38 mila). Su base annua, l'occupazione cresce dello 0,7%, pari a +159 mila unità.

La fascia che perde più occupati è quella tra i 35 e i 49 anni (-26.000 sul mese, -168.000 sull'anno). L'espansione interessa uomini e donne e si concentra fortemente tra i lavoratori a termine (+296 mila); sostanzialmente stabili gli indipendenti, mentre si registra un'ampia flessione dei dipendenti permanenti (-140 mila). Al netto della componente demografica si stima comunque un segno positivo per l'occupazione in tutte le classi di età. Ancora nel trimestre i disoccupati sono diminuiti del 2,5%, mentre gli inattivi sono aumentati dello 0,4%.

Altre Notizie