Venerdì, 22 Ottobre, 2021

Più libri più liberi 2018

Più libri più liberi 2018 Più libri più liberi 2018
Deangelis Cassiopea | 02 Dicembre, 2018, 17:40

Più libri più liberi è la Fiera Nazionale della Piccola e Media Editoria e si svolgerà a Roma, dal 5 al 9 dicembre 2018.

Tra gli ospiti più attesi ci sono poi Andrea Camilleri, Gianrico Carofiglio, Zerocalcare, Paolo Giordano, Michela Murgia, Fabio Stassi, Philippe Forest, Luciano Canfora e Giorgio Agamben.

Tre i fattori congiunturali - segnala l'Aie - che pesano sul dato: la crisi che ha colpito il maggior distributore dei banchi libri della grande distribuzione organizzata; il fatto che l'App18 non abbia potuto dispiegare appieno, fino ad ora, le sue potenzialità per il pubblico più giovane e il clima di sfiducia dei consumatori che passa a ottobre 2018 da 116,5 a 114,8. Tanto spazio alla letteratura per ragazzi, e un grande regalo per loro: il "Buono Libro" da 10 euro da spendere in fiera.

Per quanto riguarda i biglietti per l'accesso alla Fiera Più Libri più Liberi, ve ne sono alcuni acquistabili solo in fiera, altri solo online e altri ancora acquistabili da entrambe le parti. Torna la grande fotografia legata al mondo della letteratura nell'Arena Photo/Book Cloud.

Ad aprire il programma professionale della fiera, che si concluderà il 9 dicembre, strutturato in 23 appuntamenti, sarà uno sguardo sull'editoria europea, che rappresenta oltre il 60% del fatturato mondiale del libro, a cui è dedicato il convegno del 6 dicembre 'Sfide comunì per capire i rapporti tra distribuzione e promozione e le strade che la piccola e media editoria indipendente europea sta percorrendo per ottimizzare il processo e conservare quella visibilità di marchio e di proposta che solo la libreria sa offrire. Più libri più liberi prevede per quest'edizione un programma ricco di eventi, conferenze e presentazioni che saranno divise in tre aree tematiche.

Per questa edizione il tema centrale della Fiera è "Per un nuovo umanesimo" ed ha l'obiettivo di rimettere al centro l'essere umano soprattutto in un'era, come questa, segnata continuamente da conflitti, disuguaglianze economiche e instabilità politiche che hanno portato ad enormi ondate migratorie.

Humanitas, quindi, e prima di tutto: dall'attenzione verso le minoranze, etnico-religiose o di genere, ancora oggi oggetto di discriminazioni e violenze in molti Paesi, alla tutela dell'ambiente e al rispetto della natura.

Altre Notizie