Lunedi, 26 Agosto, 2019

Formula 1, scambio di caschi tra Hamilton e Vettel

Test Yas Marina Vettel il più veloce F1 2018: Tutti i numeri del campionato mondiale di Formula 1 2018
Cacciopini Corbiniano | 29 Novembre, 2018, 21:26

Finisce senza gloria l'avventura di Raikkonen in Ferrari costretto al ritiro dopo soltanto sette giri. Settimana la Renault di Nico Hulkenberg, seguita dalla Haas di Pietro Fittipaldi che è riuscito a tornare in pista dopo il cedimento della power unit Ferrari accusato in mattinata. Lewis Hamilton si congeda dal campionato di Formula1 2018 rendendo onore agli avversari. Quanto a Vettel, lo conosco fin dai tempi della F3, è sempre stato uno duro e onesto, uno che ha fatto sempre un grande lavoro: non si può immaginare quanta pressione noi abbiamo e non dovete considerare i nostri errori come dei fallimenti. 11 partenze al palo per il campione del mondo britannico (Australia, Spagna, Francia, Gran Bretagna, Ungheria, Belgio, Singapore, Giappone, Stati Uniti, Brasile e Abu Dhabi) contro le 5 di Vettel (Bahrain, Cina, Azerbaijan, Canada e Germania), le 2 di Bottas (Austria e Russia), le altrettante di Ricciardo (Monaco e Messico) e la sola di Raikkonen (Italia). Sebastian Vettel rende omaggio a Hamilton per il titolo conquistato quest'anno.

La conclusione del Mondiale 2018 di Formula 1 ha regalato una bellissima pagina di sportività, che resterà sicuramente a lungo nella memoria di tanti appassionati. E' stata una stagione lunga con tantissime gare. Per battere un Hamilton così serve più concentrazione e se, come dice Arrivabene, il pilota dovrà essere "coccolato", così andrà fatto, creando un atmosfera nel team più positiva (attenti a Leclerc, potrebbe dare fastidio al suo caposquadra) che risente ancora del terremoto causato dalla scomparsa di Marchionne.

Undicesima piazza per Alonso, che saluta così la Formula 1, con un'esibizione a fine gara insieme a Vettel e Hamilton, con dei "donut" disegnati con le gomme sull'asfalto del circuito. Sono certo, sulla base degli ultimi inverni, che molto presto, di solito dopo 111 giorni (quelli che mancano al GP d'Australia), sarò molto, molto, affamato per la prossima gara. "Complimenti per la sua carriera".

Altre Notizie