Venerdì, 22 Novembre, 2019

Gilet gialli, scontri a Parigi

Parigi blindata per manifestazione gilet gialli contro caro-carburante Le foto degli scontri di Parigi tra polizia e “gilet gialli”
Evangelisti Maggiorino | 25 Novembre, 2018, 02:08

Scontri e lancio di lacrimogeni sugli Champs-Elysees e nelle strade adiacenti si sono verificati intorno alle 11 di stamattina. La polizia, in assetto antisommossa, ha cercato di fermare, anche con l'uso di manganellie lacrimogeni, diversi gruppi che tentavano di accedere alla Concorde e alla zona dell'Eliseo nonostante i divieti.

Il centro di Parigi è in pieno caos, la polizia sta facendo uso anche di idranti e granate assordanti per tentare di disperdere i manifestanti. Scene da guerriglia urbana in una delle vie più caratteristiche della città, dove si registrano importanti i danni a vetrine, arredo urbano ed auto parcheggiate nella zona.

CASTANER CONTRO LE PEN: "INCINTA DISORDINI" - Sulla protesta in corso è intervenuto il ministro dell'Interno francese, Christophe Castaner, che ha accusato Marine Le Pen di aver "incitato ai disordini", chiedendo ai dimostranti di estrema destra di invadere gli Champs Elysees.

Pronta la risposta di Le Pen: "Avevo chiesto al Governo perchè non permette ai gilet gialli di protestare sui Campi Elisi". Oggi il ministro dell'Interno Castaner utilizza questa domanda per criticarmi. Le persone fermate al momento sono otto.

Il contrasto appare stridente agli osservatori, con una gran parte di persone, arrivate a Parigi per manifestare da tutta la Francia che si apprestano a raggiungere la zona "autorizzata" di Champ de Mars.

"È la mobilitazione del popolo" - "Questa è la mobilitazione del popolo, anche se il governo vuol far credere che si tratta di gente di estrema destra e che sono poco numerosi": lo ha detto il leader dell'estrema sinistra radicale della France Insoumise, Jean-Luc Melenchon, commentando la manifestazione dei gilet gialli. Almeno 36 mila persone hanno risposto su Facebook all'appello a scendere in piazza a Parigi, lanciato dagli organizzatori del movimento. E hanno quindi inviato un "comunicato", firmato "I cittadini francesi" e pubblicato sui social, annunciando un "raduno di individui su iniziative personali", "tutto il giorno" nel "distretto degli Champs-Elysees".

Altre Notizie