Lunedi, 17 Giugno, 2019

Pace fiscale, oggi la prima scadenza: quali debiti da pagare?

Pace fiscale scadenze e istruzioni per ASD e SSD 14 novembre 2018
Esposti Saturniano | 14 Novembre, 2018, 18:08

L'importo indicato nell'atto oggetto di definizione agevolata potrà essere sanato versando la metà delle maggiori IRES e IRAP e il totale della maggiore IVA.

Sono esclusi dalla sanatoria gli inviti al contraddittorio, gli avvisi di accertamento e gli atti di adesione emessi nell'ambito della procedura di collaborazione volontaria. La prima rata dovrà essere pagata nelle scadenze sopra riportate.

La nuova misura, spiega l'Agenzia delle Entrate, si applica agli atti del procedimento di accertamento emessi dall'Agenzia delle Entrate o dall'Agenzia delle dogane e dei monopoli.

Per ciascun atto definito va utilizzato un distinto modello F24 o F23.

Le scadenze entro cui fare il versamento necessario per la definizione agevolata sono diverse in base al tipo di atto. Inoltre, il contribuente che intende avvalersi di questa forma di definizione non può proporre dalla data di entrata in vigore del decreto-legge altre istanze con essa incompatibili, come per esempio l'istanza di accertamento con adesione.

Ai fini della definizione agevolata degli inviti al contradditorio l'ASD o la SSD può richiedere assistenza all'ufficio che ha notificato l'invito per la quantificazione degli importi da versare. La scadenza riguarda sia chi effettua il versamento in un'unica soluzione, sia per chi deve pagare la prima rata.

In ogni caso, per la compilazione del modello F24 bisognerà indicare i codici tributo previsti per l'accertamento con adesione reperibili sul sito internet www.agenziaentrate.gov.it, il codice ufficio riportato nell'invito ricevuto, l'anno di riferimento e il codice atto 99999999107.

La scadenza per il pagamento e quindi per manifestare la volontà di aderire alla pace fiscale era fissato al 13 novembre, stessa data in cui l'Agenzia delle Entrate ha pubblicato le istruzioni e le regole per la definizione agevolata di ASD e SSD.

In attesa di ulteriori possibili novità, si ricorda che anche per la definizione agevolata degli accertamenti con adesione la società o l'associazione sportiva dilettantistica è tenuta ad indicare i dati presenti nel prospetto per la compilazione del modello F24 ricevuto al momento della sottoscrizione dell'avviso di accertamento con adesione, riducendo gli importi dei tributi da versare.

Il condono consente di chiudere senza sanzioni e interessi le pendenze con il Fisco per le quali l'istruttoria era ancora pendente al 24 ottobre 2018; gli inviti al contraddittorio in cui sono stati quantificati i maggiori tributi ed eventuali contributi notificati al contribuente fino al 24 ottobre 2018 e per i quali, alla stessa data, non sia stato già notificato il relativo avviso di accertamento o sottoscritto e perfezionato l'accertamento con adesione; gli accertamenti con adesione sottoscritti fino al 24 ottobre 2018 ma non ancora perfezionati, vale a dire quelli per i quali, alla predetta data non è stato effettuato il versamento e non sono ancora decorsi i venti giorni previsti per il perfezionamento.

La criticità maggiore del provvedimento pubblicato il 13 novembre 2018 è senza dubbio rappresentato dal termine per la definizione agevolata relativa agli accertamenti con adesione.

Altre Notizie