Mercoledì, 19 Giugno, 2019

In Borneo l'opera d'arte "figurativa" più antica al mondo

Credit Pindi Petiawan In Borneo le più antiche pitture rupestri figurative
Deangelis Cassiopea | 11 Novembre, 2018, 19:38

Un animale rosso dalle vaghe sembianze di un toro: è la rappresentazione principale di una pittura rupestre scoperta nel Borneo e risalente al periodo del Paleolitico. La scoperta è stata fatta da un gruppo di ricercatori della Griffith University di Brisbane, in Australia, che ne hanno parlato in un articolo pubblicato dalla rivista Nature. Queste immagini risalgono a un periodo compreso fra 13.600 e 20.000 anni fa (Cortesia Pindi Setiawan) Poiché l'arcipelago indonesiano e l'Australia hanno iniziato a essere popolati da umani moderni già a partire da 60-70.000 anni fa, ma la pittura figurativa ha fatto la sua apparizione più o meno in contemporanea alla comparsa in Europa e Indonesia, in un lasso di tempo compreso fra i 52.000 e i 40.000 anni fa, osservano i ricercatori, diventa naturale chiedersi se questa coincidenza possa essere legata a qualche flusso migratorio di nuove popolazioni finora non rilevato. A settembre, inoltre era stato scoperto in Sudafrica il disegno più antico mai realizzato dall'uomo - circa 75mila anni fa- ma in quel caso si trattava di linee astratte e non di una figura come nel caso della grotta del Borneo.

Negli anni Novanta tra le montagne del Borneo Orientale, nella penisola di Sangkulirang- Mangkalihat, alcuni archeologi scoprirono delle antiche pitture rupestri all'interno di una serie di grotte. I ricercatori della Griffith University, però, ci sono riusciti analizzando i residui di calcare depositatisi sopra i disegni, attraverso la tecnica di datazione radiometrica "uranio-torio".

Finora l'opera d'arte rupestre più antica di cui si conosceva l'esistenza erano i disegni trovati nella "grotta Chauvet", nei pressi di Vallon-Pont-d'Arc, in Francia, realizzati circa 37mila anni fa.

Si trova in una grotta sulla costa orientale del Borneo la più antica pittura rupestre figurativa conosciuta, e raffigura un animale non chiaramente identificato, ma probabilmente un bovino.

Si tratta della prova che l'arte rupestre non è iniziata in Europa, come si è creduto a lungo, e che nel Sud-est asiatico ci sono stati degli artisti dell'Era glaciale che hanno avuto un ruolo chiave nello sviluppo.

Altre Notizie