Giovedi, 13 Dicembre, 2018

Serie A, Allegri: "Juventus, dobbiamo vincere la Champions League"

Allegri: Juventus-Cagliari, tutto quello che c'è da sapere
Cacciopini Corbiniano | 03 Novembre, 2018, 16:37

Per le avversarie, vincere contro la Juventus è sempre un traguardo importante. Inter e Napoli ci sono dietro, non possiamo assolutamente sbagliare. Dell'Inter conosco bene Spalletti che mi ha allenato, la sua squadra ha avuto delle difficoltà ma ora sta facendo bene. In campionato ci vuole molta più attenzione, a differenza della Champions abbiamo molti più cali di tensione. Ne abbiamo presi 7, la proiezione è 28 che significherebbe rischiare di compromettere il campionato. "Ma veniamo da una buona settimana e siamo riposati".

Ronaldo giocatore imprescindibile? Lui come Messi, o Ibrahimovic al Milan, i gol li fanno loro. "Aspettiamo i gol dei centrocampisti e dei difensori, soprattutto su palla inattiva". Il tecnico si sofferma su una notazione statistica: "Non abbiamo ancora fatto gol su palla inattiva, è ora di iniziare". Domani arriva il Cagliari, che è la squadra che corre di più, ha tecnica e un attaccante come Pavoletti che è tra i più forti in area di rigore e nel gioco aereo. Gli avversari hanno i loro obiettivi e vogliono dare il massimo contro di noi. "Insieme a Bernardeschi, Chiesa, Romagnoli, Rugani e altri sarà sicuramente il futuro di una Nazionale che ha ricominciato a far bene".

INFORTUNATI - "Domani saranno out Chiellini e Bernardeschi; torneranno in gruppo Khedira e Mandzukic". Ci vuole un po' più di precisione. Infine una previsione sulla favorita in Champions, stimolata un po' dal vaticinio dello scorso anno - "dissi che avrebbe vinto il Real quando era a 20 punti dal Barcellona" -, ma anche dalla necessità di scaricare la pressione dalle spalle dei suoi giocatori: "La favorita è il Barcellona".

Poi, sulla Champions, Allegri dimostra di avere le idee chiare: "Mi sento l'allenatore di una squadra che può vincere la Champions, ma non è scontato che si vinca". Quest'anno, la candidata a vincerla è il Barcellona. Semplice. È la candidata numero uno, noi siamo tra le prime quattro candidate, però ci vuole calma.

Bernardeschi? E' tornato dalla Nazionale con un problema alla gamba. Chi calcia le punizioni? Da vicino invece Dybala e Pjanic.

"Parlare di lui e di tutti quelli che sono giocatori di altre squadre non serve a niente". Cosa devo rispondere? Ha ancora margini di miglioramento. Pjanic e Matuidi giocano a meno che non svengano oggi. Il terzo devo sceglierlo tra Bentancur e Cuadrado, devo valutare le condizioni di Khedira. In difesa rientra Cancelo, ci sarà Bonucci e De Sciglio potrebbe giocare al posto di Alex Sandro.

Altre Notizie