Mercoledì, 21 Agosto, 2019

Zazzaroni: "Inter più forte della Lazio? Ma se ieri giocava Joao Mario..."

Inter, Spalletti: Inter, Spalletti: "Prestazione che non arriva da un giorno all'altro. Brozovic fondamentale, ecco perché De Vrij in panchina" - Fantagazzetta.com
Cacciopini Corbiniano | 03 Novembre, 2018, 05:59

Joao Mario nuova arma dell'Inter.

Contro la Lazio infatti si è vista forse l'Inter più bella di questo inizio stagione, capace di annientare una diretta concorrente per un posto in Champions League specie nel primo tempo, quando i biancocelesti non l'hanno quasi mai vista. Poi ha fatto notare a chi elogiava la sua Inter per il bel gioco: "Ma come, non dicevate che si giocava così male, noi dell'Inter?". "Più che Anti-Juve siamo l'Anti-Noi" - è la sua filosofia, temendo quelle ricadute non nuove dalle parti di San Siro.

Che non è solo mettere Joao Mario: è anche dargli un ruolo diverso da quello che aveva ricoperto in precedenza. Nell'articolo di approfondimento post derby ve lo avevamo già raccontato: è probabile che Spalletti userà questa soluzione soprattutto contro squadre che giocano con due interni. Questo ha messo ancora più pressione e ha messo ancora più depressione dopo la partita di sabato tra Inter e Juventua. "Siamo contenti di quello che stiamo facendo, sappiamo che dobbiamo continuare su questa strada e faremo quello da qua in avanti".

Aggiungo che per trovare una partita senza reti si deve tornare indietro al 2005. Ma, volendo comparare le due squadre, il Giornale non ha dubbi: i nerazzurri sono superiori alla squadra di Ancelotti ed essenzialmente per un motivo: Mauro Icardi. Il calcio è liquido, ha replicato lo 'Zio'; "No, il calcio è solido...", ha controreplicato sorridendo Spalletti che poi ha elogiato e 'pungolato' allo stesso tempo Marcelo Brozovic: "E' uno che ha la bussola nei piedi, conosce il calcio, ha personalità anche se qualche volta la tocca troppo".

Altre Notizie