Martedì, 20 Novembre, 2018

Germania: Merz annuncia candidatura a presidenza Cdu

Elezioni in Assia crolla la Cdu di Angela Merkel volano i verdi La Cancelliera tedesca Merkel e il premier dell’Assia Volker Bouffier La Cancelliera tedesca Merkel e il premier dell’Assia Volker Bouffier
Evangelisti Maggiorino | 01 Novembre, 2018, 04:23

La Merkel è cancelliera tedesca sin dal 22 novembre 2005, da quel giorno ha guidato ben 4 governi ma adesso come lei stessa spiega " é giunto il momento di aprire un nuovo capitolo".

Ieri la cancelliera ha reso noto, a sorpresa, di rinunciare alla candidatura alla presidenza al prossimo congresso di partito della Cdu ad Amburgo, il 7 dicembre (vedi suggeriti). "E' chiaro che così non si può andare avanti". In Germania hanno introdotto Hartz IV, una serie di sussidi contro la disoccupazione, perché a suo tempo il cancelliere Schröder nel 2003 chiese di sforare il 3% del debito e il governo Chirac in Francia e il governo Berlusconi in Italia glielo permisero. "L'immagine del governo è inaccettabile - ha aggiunto - e questo ha ragioni più profonde che ragioni di comunicazione", ha affermato rimandando a un problema di "cultura del lavoro".

La coalizione che riunisce la Cdu e l'Spd, il partito socialdemocratico, ha registrato un pesante calo nei consensi durante le elezioni in Assia. Eppure i primi dati non configurano un terremoto politico e i cristiano-democratici si sforzano subito di contenere i temuti contraccolpi sul governo a Berlino. Questa l'analisi di Frankfurter allegemeine oggi che titola "un congedo da indovinare", ritenendo per un verso "insolito e saggio che la Merkel non s'incolli alla presidenza del partito e nemmeno alla cancelleria", sebbene ancora non si capisca la tempistica del suo ritiro dal cancellierato. Oggi però Christian Lindner ha sottolineato che sul piano dei numeri sarebbe possibile anche una costellazione "semaforo", rosso-giallo-verde, che prescinda dalla Cdu. Sia la Cdu che Spd infatti continuano a perdere voti. Come nel resto della Germania, gli elettori del Land sembrano stanchi delle dispute interne alla Grosse Koalition al potere a Berlino, in particolare sulla questione dell'immigrazione. Una reazione in linea con la segretaria generale Annegret Kramp-Karrenbauer, la quale si è congratulata per aver "evitato la coalizione rosso-rosso-verde".

Volker Bouffier della Cdu, primo ministro dell'Assia, e il suo vice Tarek al-Wazir dei verdi, nei sondaggi hanno ricevuto grandi lodi e forte rispetto dal popolo per la loro politica. La formazione populista di destra è presente nel frattempo in tutti e 16 i parlamenti regionali tedeschi e alle politiche dell'anno scorso è entrato per la prima volta nel parlamento federale (Bundestag) col 12,6% delle preferenze.

Altre Notizie