Martedì, 20 Novembre, 2018

MotoGP, GP Australia 2018. L'editoriale di Guido Meda: "Piove Marquez!"

Griglia di partenza MotoGp/ Gp Australia 2018, sfida per la pole position a Phillip Island Phillip Island, squillo Vinales nelle libere 1
Cacciopini Corbiniano | 30 Ottobre, 2018, 20:52

Dopo l'uscita di scena di Marquez, Dovizioso e Bautista riescono a stare davanti al vastese che pero' a nove giri dal termine si rifà sotto e supera Bautista rimettendosi all'inseguimento di Dovizioso.

Tre italiani nei primi quattro della lista dei migliori tempi del venerdì sono un buon presagio per il weekend sulla pista di Pillip Island, teatro domenica del Gp d'Australia, terz'ultima prova del Mondiale MotoGp.

Sul podio la Suzuki di Iannone e la Ducati di Dovizioso. "Questo podio è il frutto di un duro lavoro di tutto il team". "Non so giocare a ping pong ad esempio, tutti i meccanici mi hanno battuto!". La moto oggi andava benissimo, era fantastica. Al quinto giro, infatti, Johann Zarco ha perso il controllo in frenata della sua Yamaha, che si è impennata e, dopo essersi capovolta, si è proiettata verso la Honda del neocampione del mondo, in fase di staccata. Dobbiamo capire perché Vale aveva più problemi, anche se pure la gomma di Maverick era finita a fine gara.

"E' risaputo che una delle cose di cui stiamo discutendo da un po' sono gli orari della gara". Peccato ma è andata così. Ok le defezioni lo spingono un po' più avanti, ma come di dice è il risultato che conta. Il trucco, facile ma solo a dirsi, è quello di entrare in pista con le gocce che ti cadono sul casco e fare finta che sia ferragosto con il sole che spacca le pietre. Resta comunque in vantaggio sul pilota francese di quattro punti, ma il bottino poteva essere molto più alto.

Altre Notizie