Lunedi, 19 Novembre, 2018

Standard & Poor's conferma il rating ma taglia l'outlook dell'Italia a negativo

Standard Poor Standard Poor +CLICCA PER INGRANDIRE
Esposti Saturniano | 27 Ottobre, 2018, 17:10

Alcuni analisti si apettavano un taglio del rating di un livello.

Standard & Poor's non ha seguito l'esempio di Moody's evitando di declassare l'Italia, anche se l'outlook è stato portato a negativo con forti preoccupazioni sull'azione del governo in ambito di politica economica e fiscale. Per il 2019 S&P stima un deficit al 2,7% rispetto al 2,4% indicato dal governo. Riteniamo che questo giudizio sia corretto alla luce della solidità economica del Paese: l'Italia è la 7/a potenza industriale al mondo e la 2/a manifattura Ue - ha commentato il premier Conte come riportato dal sito di Sky Tg 24. La competitività delle imprese ci permette di avere un surplus commerciale consistente e il risparmio delle famiglie è solido.

L'agenzia definisce poi i target di crescita del governo "eccessivamente ottimistici", il che potrebbe avere come conseguenza il fatto di aver calcolato per il 2019-2021 entrate fiscali più ampie.

- INVESTIMENTI: Il governo ha adottato la flat tax per incoraggiare gli investimenti. "Le misure del governo, se pienamente attuate, a nostro avviso potranno invertire i passati guadagni portati dalla riforma e minacciano la sostenibilità a lungo termine del debito pubblico".

Il reddito di cittadinanza? Inoltre, "anche le dinamiche del mercato del lavoro possono essere influenzate dall'introduzione del cosiddetto reddito di cittadinanza: un reddito di base di 780 euro al mese per i disoccupati o adulti non occupati residenti in Italia da almeno cinque anni". Le agenzie di rating non si sono accorte della crisi mondiale?

Sulle banche S&P spiega che "sono il principale creditore del governo".

L'agenzia di rating statunitense ha però tagliato l'outlook a negativo da stabile, indicando un deterioramento delle prospettive di affidabilità creditizia.

"A nostro avviso, il piano economico del governo rischia di indebolire la performance di crescita dell'Italia".

Altre Notizie