Venerdì, 19 Ottobre, 2018

Migranti, Salvini chiuderà gli aeroporti ai voli charter

I movimenti secondari I movimenti secondari
Evangelisti Maggiorino | 11 Ottobre, 2018, 14:43

La notizia dei voli charter in direzione Italia carichi di migranti "scartati" dalla Germania aveva provocato le ire e le indignazioni di molti, con il piccato Matteo Salvini pronto a minacciare la chiusura degli aeroporti.

Attualmente, il Viminale non ha nulla di ufficiale in mano e non esistono né conferme né smentite da parte del Governo tedesco sulla questione. Facendosi forza del trattato di Dublino, che prevede che i richiedenti asilo debbano presentare domanda nello Stato in cui sono sbarcati, ha deciso di rispedire da noi tutti quegli immigrati identificati in Italia e poi allontanatisi verso la Germania. La dichiarazione di Salvini è stata una reazione alla pubblicazione del quotidiano la Repubblica, che recentemente ha riferito che le autorità della Germania hanno intenzione nel mese di ottobre di iniziare a inviare i voli charter con i migranti, che sono entrati in UE attraverso il territorio italiano. Né che siano programmati voli charter dalla Germania nelle prossime settimane. L'accordo con la Germania per il rimpatrio dei profughi è in vigore o no? Lo dice il vicepresidente del Consiglio e ministro dell'Interno Matteo Salvini.

Salvini, parlando a 'Rtl 102.5', torna sulla vicenda: "Io ho saputo da un giornalista, non c'era nessun atto formale o richiesta dalla Germania".

Nel 2017 i ritorni di "dublinati" dalla Germania all'Italia sono stati 1.004, mentre nel 2018 sono già 2.281.

Il ministero dell'Interno ha però smentito questa ricostruzione: "Non ci risulta che il governo tedesco ci stia riportando un numero di 'dublinanti' superiore al passato".

"Se qualcuno a Berlino o a Bruxelles - precisa il vice-presidente del consiglio - pensa di scaricare in Italia decine di immigrati con dei voli charter non autorizzati, sappia che non c'è e non ci sarà nessun aeroporto disponibile".

Altre Notizie