Venerdì, 19 Ottobre, 2018

Salvini e Le Pen uniti contro l'UE: nasce il 'Fronte della Libertà'

Salvini e Le Pen: Salvini e Le Pen: "Juncker e Moscovici nemici dell'Unione europea"
Evangelisti Maggiorino | 11 Ottobre, 2018, 11:48

L'incontro tra il ministro dell'Interno Matteo Salvini e la leader del Raggruppamento Nazionale, Marine Le Pen rinforza l'asse tra le due anime sovraniste di Italia e Francia, anche se Salvini si affretta a chiarire che "questo non è un incontro elettorale". "Io h lavorato 8 annii a Bruxelles, con Matteo Salvini". Sono alcuni dei traguardi che la Commissione europea ha raggiunto tra il 2014 e il 2018. E lo fa il giorno dopo le polemiche sulle inquietanti parole che egli ha scritto in un post contro i giornali e i giornalisti del gruppo Gedi (Repubblica, Espresso, La Stampa, e molte altre testate). Secondo Le Pen e Salvini nascerà una nuova Europa che sarà in grado di contrastare la globalizzazione e di riportare i valori democratici.

Matteo Salvini e Marine Le Pen lanciano a Roma il "Fronte della libertà". Piuttosto che farli arrivare in Europa, e poi rifiutare loro la richiesta, abbiamo proposto che le domande di asilo si possano fare solo in ambasciate e consolati francesi nei paesi dove si trovano e siano autorizzati a lasciare il Paese solo coloro che hanno ottenuto lo status di rifugiato. "L'unica esclusione che faccio a priori è con i socialisti, che sono al servizio della speculazione internazionale", conferma.

Secondo la leader dell'estrema destra francese, "l'Ue ha calpestato i valori della solidarietà: ora siamo in un momento storico. E questa la lotta che portiamo avanti con Salvini". Salvini aggiunge "Condivido con Le Pen valori, principi, coerenza e orgoglio". "Ci mancherebbe altro, noi difendiamo la sovranità", ha sottolineato Le Pen. L'Unione si oppone al potere dei popoli e lo fa attraverso minacce, estorsioni e presenta risultati ingiustificabili: immigrazione di massa, riduzione dei salari.

"Non penso a un'Europa senza regole, ma che investa sul lavoro, sulla felicità, non schiava dello zero virgola, che non risparmi sui diritti sociali". Che ha concluso il suo intervento con l'invito al partito popolare europeo, in vista del congresso del prossimo novembre, a prendere le distanze dalla sinistra. E così, una parte importante del governo italiano, la Lega quella che i sondaggi dicono essere ormai maggioritaria, arruola la signora Le Pen, forse come mentore per il nuovo messaggio neoautoritario che sta per invadere pericolosamente l'Europa.

Altre Notizie