Venerdì, 19 Ottobre, 2018

MotoGP 2018. Le pagelle del GP di Thailandia

Jorge Lorenzo che paura trauma a polso e caviglia ma niente fratture Thailandia, pole di Marquez davanti a Rossi. Lo spagnolo: «Mi sento forte ma c'è...
Cacciopini Corbiniano | 08 Ottobre, 2018, 19:06

Nella prima edizione del GP della Thailandia è Marc Marquez ad imporsi in volata al termine di un avvincente duello con Andrea Dovizioso. Che campione, ragazzi. Mi verrebbe da dire: unico. Terza piazza per la Yamaha di Maverick Viñales, che chiude davanti al compagno di squadra Valentino Rossi, finito quarto dopo aver condotto il gruppo nei primi giri. "Abbiamo fatto delle modifiche che mi hanno aiutato e sono contento perchè nelle FP4 sono stato veloce".

Tra alti e bassi Valentino Rossi ha una grande occasione di blindare il terzo posto in classifica, approfittando della sfortunata situazione di Jorge Lorenzo, costretto ancora una volta a saltare la gara per l'infortunio rimediato nelle FP2 dopo l'incidente di Aragon alla partenza. Il fine settimana è stato positivo, di gran lunga il migliore da un bel po' di tempo a questa parte, ma aver perso il podio brucia parecchio.

Thomas Lüthi, scattato dalla 22a posizione, si è dovuto accontentare del 20o rango finale rimandando ancora l'appuntamento con i primi punti in MotoGP. "Eravamo molto forti, soprattutto nel finale della gara - ha commentato lo spagnolo -". Ci si aspettava di più. "Ma almeno è stata una gara decente...". Voto negativo anche per quello che fa in qualifica: va bene sfruttare un gancio di tanto in tanto, ma lui lo fa regolarmente e in modo molto evidente. Si giungerà infatti in seguito alla lunga curva 10 a sinistra, da appoggio, prima dell'ultimo allungo che porta alla curva 12 a gomito che riporterà i piloti sul rettilineo del traguardo. Quando si aprono due vie opposte i fenomeni sono quelli che sanno far girare il destino e la moto sull'opzione buona, come una metafora della vita.

I semafori poi si spegneranno naturalmente alle ore 9.00, cioè quando in Thailandia saranno le classiche 14.00 e quando è in programma la partenza della gara della classe regina MotoGp, corsa che si svilupperà sulla distanza di 26 giri per un totale di 118,4 km, dal momento che ogni giro del tracciato del Buriram International Circuit misura 4,554 chilometri ed è dunque fra i più brevi del calendario iridato.

Altre Notizie